Italia spiata da Usa e Gb, servizi segreti italiani “hanno avuto un ruolo”

dalema 24 OTT – L’Italia non è stata soltanto nel mirino del sistema Prism creato dagli 007 statunitensi. Con un programma parallelo e convergente chiamato Tempora, anche l’intelligence britannica ha intercettato i cavi di fibre ottiche che trasportano telefonate, mail e traffico Internet del nostro Paese. Lo rivela all’Espresso Glenn Greenwald, il giornalista americano che custodisce i file della ‘talpa’ del Datagate, Edward Snowden. Le informazioni rilevanti venivano poi scambiate con l’Nsa americana.

I servizi segreti italiani “hanno avuto un ruolo” nella sterminata raccolta di dati operato dallo spionaggio americano e britannico sulle comunicazioni italiane: sostiene Gleen Greenwald, il giornalista americano che custodisce i file di Edward Snowden e che per primo ha rivelato al mondo il pervasivo programma di spionaggio.

‘I servizi segreti italiani hanno avuto un ruolo nella raccolta di metadati’  Questi documenti affermano che i nostri apparati di sicurezza avevano un “accordo di terzo livello” con l’ente Gb che si occupava di spiare le comunicazioni.



   

 

 

1 Commento per “Italia spiata da Usa e Gb, servizi segreti italiani “hanno avuto un ruolo””

  1. Quindi i servizi segreti italiani tutelano gli interessi usa e gb…..

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -