Il riscaldamento globale è la causa delle violenze etniche in Europa

globale2 AGO – Bastano piccoli aumenti della temperatura media per aumentare il tasso di violenza, sia domestica che tra diversi Paesi. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Science, che getta una luce inquietante sui cambiamenti climatici già in atto, ad esempio rilevando che l’aumento di 2 gradi previsto per la temperatura mondiale potrebbe aumentare del 50% le guerre civili nel mondo.

I ricercatori delle università di Princeton e Berkeley hanno analizzato una grande quantità di dati provenienti da 60 studi sul tema effettuati in tutto il mondo, cercando legami tra le temperature medie e i diversi tipi di violenza, sia domestica, come ad esempio gli omicidi, che tra gruppi diversi. Gli esempi di corrispondenza trovati sono molteplici, dall‘aumento degli omicidi in Usa e Tanzania alle violenze etniche in Europa e in Asia e persino al collasso dei regni Maya e dell’antica Cina.

Gli effetti, spiegano gli esperti, variano a seconda dell’area in cui si verificano. ”Abbiamo scoperto che se la temperatura aumenta di una deviazione standard, una misura statistica che cresce all’aumentare della variabilità della temperatura, la violenza interna aumenta del 4% e quella tra gruppi del 14 – spiega Marshall Burke, uno degli autori -.

Questo vuol dire che basta un aumento della temperatura media in una zona africana di 0,4 gradi per un anno, o di 3 gradi in una contea statunitense per un mese, per avere un impatto misurabile sulla società”.

Ovviamente, sottolineano gli autori, non è solo il clima a generare la violenza. ”Sappiamo che con la pioggia aumentano gli incidenti stradali – spiegano – ma ovviamente non è solo la pioggia a determinarli. Anche in questo caso il clima è una concausa”. (ANSA).

Condividi l'articolo

 



   

3 Commenti per “Il riscaldamento globale è la causa delle violenze etniche in Europa”

  1. I ricercatori delle università di Princeton e Berkeley.. dovrebbero sapere che dal 1995 NON vi e’ alcun incremento della temperatura.

    Tanto e’ che uno dei paladini di questa bugia scientifica trasformata in TRUFFA economica e tragedia sociale afferma.

    James Lovelock
    Il mondo non si è riscaldato molto dall’inizio di questo millennio – spiega lo scienziato -. Dodici anni sono abbastanza, un tempo ragionevole per valutare e la temperatura è rimasta sostanzialmente costante mentre ci aspettavamo che salisse. Il livello di CO2 invece è salito, questo è certo».

    Alcuni tra i sostenitori della teoria del riscaldamento del pianeta avevano messo in correlazione l’incremento della temperatura con l’aumento del livello di anidride carbonica.

    Ma questo rapporto in realtà non c’è come recentemente dimostrato dai rilevamenti pubblicati, tra gli altri, da Climate Monitor.

    Il livello di CO2 cresce, si impenna addirittura, ma la temperatura NO!!!!!!!.

    Dunque molto semplicemente la teoria basata su questa correlazione non funziona, non è risultata valida.

    /————/

    ALLLORA I 2900 MILIARDI DI EURO (NOSTRE TASSE).. SPERPERATI IN QUESTA ECO-STRUNZITA’ DELLLA LOTTA ALLLA CO2.. son serviti solo per mettere fuori mercato le nostre imprese e favorire i paesi come USA CANADA CINA INDIA ecc.ecc. che del protocollo di Kyoto giustamente se ne infischiano?

    ALLORA e’ giusto anzi imperativo!:
    Chiudere le aziende lasciare solo macerie e disoccupati.
    Scapparsene da questa europina volutamente portata al baratro dai troppi CRIMINALI catastrofisti fomentatori di eco-dementi.

    Comunque ormai e’ tardi.
    Sono riusciti nel loro intento l’industria europea e’ morta, anzi …… DELOCALIZZATA.. 🙂

    P.s. il Berlusca ci aveva provato ad avvisarci..
    Strano che sia stato condannato?

  2. climatizzatori per tutti !!! contenti di aver risolto il problema ? ma chi li paga questi per dire certe stronzate ?

  3. Ciao. Per favore, verificate con più attenzione. la temperatura ambiente. In base ed in conseguenza delle diminuite macchie solari, la temperatura degli oceani, dovrebbe essere DIMINUITA DI 0,7 Gradi centigradi negli ultimi 10/15 anni. Per favore Verificate per bene. Cordiali saluti

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -