Abusivismo, senatori Pdl Campania: non voteremo piu’ fiducia a Governo

30 ott – ”Alla presidente Finocchiaro, che afferma che oggi il Pd ha battuto il Pdl, diciamo soltanto che ha per un verso battuto la povera gente e per un altro ha coperto le illegalita’ perpetrate in Campania quando la Regione, le Province ed i Comuni erano governati dal centrosinistra. Atteso l’intollerabile ed immotivato atteggiamento tenuto dal Ministro Clini e dal suo Sottosegretario di Stato, da oggi i senatori campani non voteranno piu’ la fiducia al Governo”.

Lo afferma il senatore del Pdl Francesco Nitto Palma, Commissario Regionale del PdL in Campania, anche a nome di tutti i senatori campani del Pdl, ed il senatore Pasquale Viespoli, presidente del gruppo Coesione Nazionale.

”Ancora una volta il Partito Democratico, complici l’Italia dei Valori e la Lega ed il ministro Clini, ha impedito che il provvedimento sulla riapertura dei termini del condono edilizio del 2003 approdasse in Aula -prosegue Nitto Palma- per la discussione ed il voto, malgrado la calendarizzazione fosse stata decisa all’unanimita’ dalla conferenza dei capigruppo appena due settimane fa.

Con il voto di oggi pomeriggio la sinistra non ha consentito che si aprisse un dibattito trasparente sulla sanatoria edilizia in Campania, negata a causa di arbitrari provvedimenti della Giunta Bassolino cancellati poi dalla Corte Costituzionale con ben due sentenze. La discussione pubblica avrebbe fatto emergere le gravi responsabilita’ di una sinistra incapace di fermare il fenomeno dell’abusivismo in Campania e di licenziare una legge regionale per disciplinare in maniera tempestiva termini e modalita’ della sanatoria”.

”La discussione inoltre -prosegue Nitto Palma- avrebbe chiaramente messo in evidenza la deplorevole demagogia di una sinistra che, incapace di garantire la tutela del territorio, ha paventato un fantomatico e inesistente legame di un abusivismo di necessita’ con la criminalita’ organizzata. La sinistra, inoltre, in una discussione in Aula non avrebbe avuto alcun argomento per giustificare la concessione, a luglio scorso, di una sanatoria nella regione Emilia, per di piu’ con l’ausilio di contributi statali, e per negare quella non concessa in Campania e ammessa a tutte le altre regioni d’Italia nel 2003.

La sinistra ed il Governo non avrebbero saputo indicare in una discussione pubblica tempi, mezzi e modalita’ per portare a compimento il piano dei 67mila abbattimenti che, con la media delle demolizioni finora eseguite, avrebbe impegnato un arco temporale di 1522 anni, ossia oltre quindici secoli. La sinistra pseudoambientalista, infine, al di fuori delle proprie conventicole, avrebbe dovuto spiegare a tutti con quali risorse finanziarie procedere alle demolizioni e indicare la destinazione dei materiali di risulta e la disponibilita’ dei siti idonei a riceverli o a stoccarli.

Per il momento non resta quindi che prendere atto che, vigliaccamente, la sinistra ed il governo si sono rifiutati di affrontare a viso aperto una discussione che ha risvolti giuridici, politici, finanziari e sopratutto sociali, e che sicuramente meritava un confronto in Aula, nel corso del quale ciascuno avrebbe avuto il diritto-dovere di assumersi le sue non lievi responsabilita”’. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -