Quali possibilità di successo per l’accordo cessate il fuoco in Libia?

di Marwa Mohammed  – – Nonostante la diffusa accoglienza internazionale ed araba nell’annunciare un cessate il fuoco in Libia, la situazione in terreno resta ambigua, poiché la scena libica è complessa con l’interferenza di parti esterne, nonostante il fatto che il passo sia uno sviluppo positivo raro nel conflitto caotico.

Dopo un anno di combattimenti nella Libia nord-occidentale, il presidente del Governo di accordo nazionale, Fayez al Sarraj, e Il presidente della Camera dei Rappresentanti (HoR) con sede a Tobruk, Aguila Saleh, hanno annunciato un immediato accordo di cessate il fuoco. Quanto ad al-Sarraj, la Libia deve ora prepararsi ad organizzare “le elezioni presidenziali e parlamentari del prossimo marzo”. Quanto ad Saleh, ha sottolineato la necessità di tornare alla pace con la cessazione definitiva di “ogni forma di combattimento nei territori libici”.

Gli Stati Uniti, l’Unione Europea e molte capitali occidentali e arabe hanno accolto favorevolmente questa iniziativa, ma i dubbi prevalgono sulle possibilità di successo di questo nuovo tentativo. Mentre le posizioni di analisti ed esperti libici differivano per il significato e la gravità di questo passaggio e per la sua sorprendente tempistica.

Khaled Al-Muntaser, professore di relazioni internazionali presso le università libiche, ha dichiarato che “le due parti del conflitto in Libia sono assolutamente certe che il conflitto può essere risolto solo attraverso il dialogo, perché l’escalation militare tra le parti internazionali che sostengono il governo di Tripoli o il Parlamento, non può essere risolto con la forza delle armi e la fine della guerra a Tripoli, durata più di un anno, è la migliore prova del fallimento dell’opzione militare”.

Quanto ad Ahmed al-Hasnawi, generale di brigata in pensione dell’esercito libico, ritiene che la possibilità di mantenere il cessate il fuoco sia fragile e poco seria.

“L’appello al cessate il fuoco è fragile, e non vedo in esso una serietà e un’opportunità per resistere a lungo, perché le parti libiche non hanno l’iniziativa da sole, e sono senza dubbio ostaggio della pressione delle parti internazionali che sostengono ciascuna parte nel conflitto complesso e intrecciato”, ha detto Al-Hasnawi, aggiungendo: “Ma resta un buon tentativo di convincere i partiti estremisti, e dare loro un’ultima possibilità prima di essere assediati dalle sanzioni, a cui ha accennato il Consiglio di sicurezza riguardo alle parti che ostacolano il processo di pace in Libia”.

Commentando l’accoglienza turca all’iniziativa del cessate il fuoco in Libia, il dottor Tariq Fahmy, professore di scienze politiche all’Università del Cairo, ha detto: “È necessario stare attenti. Ankara ha manovre e precedenti sul cessate il fuoco e non sono riuscite a raggiungere la Mezzaluna petrolifera e altre aree importanti”, descrivendo il cessate il fuoco come un passo importante.

Ma nonostante l’accoglienza internazionale e regionale dell’accordo che avrebbe sostenuto la stabilità nel Paese, gli eventi all’interno della Libia erano caldi, dove diverse città libiche hanno assistito a grandi manifestazioni contro il governo di Tripoli, alla vigilia dell’annuncio dell’iniziativa, chiedendone l’uscita come garanzia per raggiungere la stabilità politica e di sicurezza nel Paese, mentre i manifestanti hanno accusato il governo di far morire di fame le persone, di aver rubato risorse statali a favore della Turchia, e la mancanza di servizi pubblici.

Da parte sua, lo scrittore e analista politico libico, Abdel Basit bin Hamel, ha affermato che la violenza assoluta è la lingua dominante a Tripoli contro il popolo libico da parte del governo di milizie e mercenari che assorbono il sangue e rubano completamente i soldi dei libici.

Bin Hamel ha aggiunto, in dichiarazioni televisive, che il governo della milizia di Tripoli ha rapito la strada libica tramite milizie e mercenari, quindi non c’è affatto movimento popolare in Libia perché è stato rapito. “Le manifestazioni in Libia stanno affrontando un’eccessiva violenza da parte delle milizie”, ha continuato Bin Hamel.

D’altra parte, l’Esercito nazionale libico (Lna) ha detto che le coste di fronte alle città di Sirte, Ras Lanuf e Brega hanno assistito a una forte diffusione dei pattugliamenti marittimi.

L’esercito ha aggiunto che una colonna di circa 200 veicoli militari si è spostata a est da Misurata, sulla costa mediterranea, verso la città di Tawergha, che è a circa un terzo della strada per Sirte.

Nel frattempo, il portavoce delle forze di Tripoli, il colonnello Muhammad Qununu, ha affermato che l’Unità di analisi delle informazioni del comando delle operazioni ha rilevato colonne armate che sono arrivate da est a Hun e si sono riunite in tre scuole.

Condividi

 

One thought on “Quali possibilità di successo per l’accordo cessate il fuoco in Libia?

  1. Ottima panoramica, io -purtroppo- resto pessimista: il problema in Libia è il controllo delle milizie deviate che si arricchiscono depredando le ricchezze del Paese e con lo sfruttamento dei migranti. Sono armate fino ai denti, avendo saccheggiato i depositi di Gheddafi (molte delle milizie vengono da reparti dell’esercito ). La “soluzione politica” di cui tutti i “benpensanti” parlano e solo ipocrisia

Comments are closed.