Libia: sequestrato peschereccio italiano

Le autorità libiche della Cirenaica hanno sequestrato un peschereccio italiano al largo di Bengasi. Secondo quanto appreso da “Agenzia Nova”, i motopesca “Natalino” e “Medinea” sono stati intercettati da una o più motovedette libiche a circa 40 miglia a nord ovest da Bengasi, il capoluogo della Cirenaica, all’interno dell’autodichairata zona di pesca libica. Gli equipaggi – composti per entrambi i pescherecci da sette marittimi ciascuno: sei italiani e otto tunisini in tutto – hanno avvertito dei colpi d’arma da fuoco e, dalle prime informazioni, risulta che siano stati coattivamente imbarcati a bordo di una o più motovedette libiche un membro italiano del Natalino e il comandante italiano del Medinea.

Il peschereccio Natalino avrebbe quindi fatto rotta verso nord-ovest, mentre il Medinea si sarebbe invece diretto verso sud, in direzione di Bengasi, roccaforte del generale Khalifa Haftar, comandante dell’autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna). (Bel) Agenzia Nova

Condividi

 

One thought on “Libia: sequestrato peschereccio italiano

Comments are closed.