Boldrini: contro la ministra Azzolina “assalto sessista”

Di Federico Giuliani – Altro che una critica alle proposte messe sul tavolo da Lucia Azzolina riguardo la riapertura delle scuole. Le parole usate da Lega e Matteo Salvini per attaccare la confusionaria gestione del ministro dell’Istruzione non sarebbero altro che un “assalto sessista“. “La Lega è riuscita a fare l’assalto alla ministra Azzolina non sui temi, ma è stato un assalto sessista: a parlare è niente meno che Laura Boldrini. Direttamente dalla Festa provinciale dell’Unità di Bologna, in riferimento al sondaggio lanciato dalla Lega sui social nei giorni scorsi, l’ex presidente della Camera ha duramente attaccato Salvini.

Nei giorni scorsi, parlando con l’HuffPost, Boldrini aveva espresso solidarietà a Lucia Azzolina: “Trovo che quello che sta accadendo ai danni delle donne che hanno un ruolo nella sfera pubblica e politica di questo Paese sia molto grave. C’è il rischio che si vadano a normalizzare gli insulti violenti e sessisti che vengono indirizzati alle donne su tutte le piattaforme, mentre non è assolutamente normale“.

Nel mirino di Boldrini è finita la presunta “gogna” usata dalla Lega. E ovviamente, in mezzo all’occhio del ciclone, ha trovato spazio anche Matteo Salvini, reo di non aver mai preso le distanze da questo modus operandi.

In giornata, a margine degli Stati generali della scuola per un incontro con docenti e famiglie, a Baia San Giorgio, a Bari, Salvini aveva criticato Azzolina, senza tuttavia scendere in attacchi sessisti. “Non è possibile avere un ministro che non dà il minimo della certezza della sicurezza: in tutta Europa le scuole o sono già riaperte o stanno riaprendo in sicurezza, senza mascherine, senza plexiglass, senza problemi, senza banchi con le rotelle”, ha dichiarato il leader leghista

Salvini ha annunciato anche la presentazione di una mozione di sfiducia al ministro Azzolina “perché veramente non è in grado di garantire il lavoro degli insegnanti e il futuro degli studenti“. “Con una signora come la Azzolina alla guida io temo che per la scuola sarà un problema“, ha concluso il leader del carroccio.

La replica di Azzolina è arrivata con alcune dichiarazioni rilasciate al Tg3. “Se la mozione di sfiducia di Salvini è legata al plexiglass di cui parla da 4 mesi, voglio rassicurarlo perché non è scritto in nessun documento“, ha sottolineato il ministro. “Capisco che si faccia campagna elettorale, ma la scuola dovrebbe restare fuori perché così si spaventano le famiglie e gli studenti. Le famiglie vanno rassicurate“, ha quindi concluso Azzolina.

Leggi la notizia su Il Giornale

Condividi

 

One thought on “Boldrini: contro la ministra Azzolina “assalto sessista”

  1. Non voglio usare termini volgari, per una questione di stile, ma non posso esimermi dal dire quanto sioa disgustosa questacdonna!!!

Comments are closed.