Appello degli Italiani al presidente USA, Mattarella e Conte non provano imbarazzo?

Condividi

 

Di prof Augusto Sinagra – Il Conte Tacchia e i suoi degni Ministri, e così pure il figlio di Bernardo Mattarella, sono ben consapevoli dell’abisso che ormai li separa dalla volontà popolare e dalle urgenti necessità della Nazione.
Il figlio di Bernardo Mattarella sa bene che il Parlamento non è rappresentativo della volontà popolare e lui ne giustifica la legittimità solo sul dato numerico all’esito delle votazioni politiche del 4 marzo 2018.

Tutti gli istituti demoscopici danno i 5Cosi in perdita dei 2/3 dei voti conseguiti. Il PD è anche in calo, “Liberi e uguali” restano sempre in due (Grasso e Boldrini). Al contrario, “Fratelli d’Italia” è in forte aumento di consensi che compensano il calo della “Lega” dal 30 al 27% circa, che potrà essere comunque recuperato.

Le manifestazioni di piazza si susseguono, l’indignazione cresce, l’esasperazione è manifesta. Aumenta la disoccupazione come aumentano gli arrivi di clandestini e la criminalità. I ricchi sono più ricchi e i poveri più poveri. CSM e magistratura sono allo sfascio e la credibilità nella giustizia si avvia verso percentuali da prefisso telefonico. La corruzione dilaga, la PA è al marasma. I militari tacciono. Hanno una buona retribuzione.

Diritti e libertà costituzionali fondamentali sono stati conculcati. Con il pretesto del Covid ci si muove deliberatamente verso una insolita dittatura “sanitaria”. Si tenta di controllare l’individuo non solo nelle sue libertà con l’introduzione della sola moneta elettronica, ma anche nella sua esistenza fisica con la violenza di vaccinazioni obbligatorie, introduzione di microchip, esposizione a campi magnetici pericolosissimi con i 5G.
Credo che siamo al limite non più reversibile della protesta.

Ma la cosa più grave, che io politicamente capisco ma moralmente respingo, è che cittadini sempre più numerosi firmano la petizione al Presidente Donald Trump di venire in soccorso a difesa delle nostre libertà individuali (quelle collettive sono diversamente ingabbiate), in nostra difesa contro l’euro, contro la UE, contro l’infame Nuovo Ordine Mondiale, contro le élites mondiali della finanza. I cittadini italiani chiedono al Presidente USA di essere difesi dall’attuale governo e dall’attuale Capo dello Stato che lo mantiene in vita, impedendo il ritorno al voto.

La Casa Bianca ha ufficializzato tale richiesta d’aiuto e ha ufficializzato il suo interesse alla richiesta, creando un apposito sito: https://petitions.whitehouse.gov/petition.
E il Conte Tacchia e il figlio di Bernardo Mattarella, ben sapendo l’abisso che li separa dal popolo da essi amministrato e rappresentato, non avvertono il minimo senso di imbarazzo, non dico di vergogna.
Potrei dire che siamo una “Repubblica delle banane”. Già sarebbe troppo. Le banane sono buone.

AUGUSTO SINAGRA

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -