Aggressione a Roma: “fasciste e disabili dovete morire”

Roma 2020, la civiltà rossa contro disabili e “fasciste”. Questo video che pubblichiamo fa accapponare la pelle. Riguarda alcune iscritte a Fratelli d’Italia del quinto municipio della città, una specie di zona franca – evidentemente – in cui non ha diritto di vivere chi non è di sinistra. Le donne di Fdi non si sono certo fatte intimidire e hanno raccontato questa triste storia anche su Facebook, perché quegli aggressori vigliacchi non devono farla franca.

Fasciste e disabili, dovete morire – – La cosa più vile sono state la male parole rivolte ad una donna cieca, che cammina col bastone, che ha usato per distanziare gli aggressori che la insultavano. Se ne sono approfittati, i teppisti, ed è davvero grave quanto accaduto. Roma violenta nei confronti di chi non si può difendere perché disabile. E insultata proprio per la sua condizione fisica.

Vorremmo sapere dal sindaco della città – a cui certo non stiamo dando colpe per quanto accaduto – se non vorrà d’ora in avanti misurare le parole contro gli avversari politici. Perché poi ci sono sconsiderati che le interpretano a loro modo. Quando ogni giorno ci si vanta di un antifascismo inconsistente come fa spesso la Raggi, poi arriva lo scapestrato a cui basta adocchiare un braccialetto al polso con su scritto Fratelli d’Italia per avventarsi sulla presa. Soprattutto se donna e non in condizione di difendersi.

Una storia indegna della Capitale – E’ una storia davvero brutta, indegna della Capitale D’Italia e vogliamo esprimere tutta la nostra solidarietà a questa donna. E grazie alle sue amiche che hanno avuto il coraggio di denunciare pubblicamente la violenza subita.

Ci auguriamo che possano essere acciuffati gli aggressori, da trattare senza troppi riguardi. Perché Roma non può essere ridotta a una specie di accampamento rosso in cui far circolare liberamente solo chi decidono loro.

Queste bande non si devono permettere di fare del male alle donne.  www.7colli.it

Condividi