Carceri, poliziotto penitenziario si uccide a Padova

Condividi

 

Si è ucciso con l’arma di ordinanza un poliziotto penitenziario da molti anni in servizio nella casa di reclusione di Padova. A darne notizia è il Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria.

“Siamo sconvolti – dichiara il segretario generale del Sappe Donato Capece – sembra non avere fine il mal di vivere che caratterizza gli appartenenti al corpo di Polizia Penitenziaria. L’uomo era benvoluto da tutti, sempre allegro e simpatico. Faceva servizio nella portineria del carcere. Nessuno mai ha percepito un suo disagio. E’ importante evitare strumentalizzazioni, ma è fondamentale e necessario comprendere e accertare quanto hanno eventualmente inciso l’attività lavorativa e le difficili condizioni lavorative nel tragico gesto”.



“Questo è il secondo suicidio nelle file della Polizia Penitenziaria dall’inizio dell’anno – ricorda Capece – Lo scorso anno sono stati 11 gli agenti che si sono tolti la vita: il ministero della Giustizia e il Dap non possono continuare a tergiversare su questa drammatica realtà. Servono soluzioni concrete per il contrasto del disagio lavorativo del personale di Polizia Penitenziaria. Come anche hanno evidenziato autorevoli esperti del settore, è necessario strutturare un’apposita direzione medica, composta da medici e da psicologi impegnati a tutelare e promuovere la salute di tutti i dipendenti dell’Amministrazione Penitenziaria”.  adnk



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -