Camicia di forza

Condividi

 

di Aldo Grandi

Negli anni del boom economico gli italiani, nonostante gli albori della televisione, i cinema e i locali all’aperto nelle estati della beata (in)coscienza, hanno procreato tantissimo, al punto che, a metà anni Settanta, almeno in alcuni istituti scolastici secondari della capitale, si era soliti andare a scuola con i doppi turni. Mattina o pomeriggio lunedì, martedì e mercoledì e viceversa giovedì, venerdì e sabato. Era così anche all’istituto tecnico commerciale Maffeo Pantaleoni in via Maria Luisa di Savoia, due passi da piazzale Flaminio e altrettanti dal lungotevere Arnaldo da Brescia.

Capitava, così, che la mattina, ovviamente in primavera, ma non solo, si finisse per disputare le partite di calcio alle 9 invece che alle 16 e che i compiti venissero fatti a mezzogiorno, se andava bene, in vista dell’ingresso a lezione che scattava, immancabilmente, alle 15. Ad aprile a maggio, quindi, si usciva al tramonto e faceva un certo effetto aspettare alla fermata dell’autobus con, sullo sfondo e verso il mare, i colori che solo il cielo di Roma a quell’ora sa regalare.

Disagi? Forse, ma assolutamente sopportabili, del resto c’erano tante sezioni e altrettanti studenti e in qualche modo dovevano infilarli nelle numerose aule di quell’edificio, oggi, ormai, completamente chiuso e dedito a chissà quale attività. Per non parlare, all’epoca, della possibilità, tutt’altro che rara, di trovare, sotto il banco, quaderni e libri di chi ci aveva preceduto.

Pensavamo anche a questo leggendo le dichiarazioni rilasciate proprio ieri dal ministro – perdonateci ma ministra è inaccettabile e inascoltabile oltreché impronunciabile – della Pubblica Istruzione – Miur ci sa tanto di Ministero della Verità – sulla riapertura delle scuole di ogni ordine e grado a settembre. Sì, perché Lucia Azzolina ha detto, testuale:

Non abbiamo mai parlato di doppi turni” aggiungendo che l’ipotesi è quella di dividere le classi: “La metà degli studenti per metà settimana” andrebbe a scuola, poi, l’altra metà e comunque si terrebbero sempre gli studenti che sono a distanza “collegati, così la socialità resta”.

Non credo che sia previsto l’arresto, purtroppo, né, tantomeno, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, ma una camicia di forza di quelle tanto care ai tempi di Mario Tobino, psichiatra geniale e scrittore impagabile, indubbiamente, tornerebbe utile.

Allora, secondo il titolare del dicastero più importante del nostro Paese, i doppi turni sarebbero deleteri mentre, come accade un po’ ovunque, le lezioni all’interno dei container perché le scuole cadono a pezzi, sono meglio. Questa donna che, di mestiere, fa l’insegnante a stipendio fisso e, adesso, il ministro a stipendio variabile e in crescita, ha distrutto, con la sua truppa di governanti da strapazzo, non soltanto la scuola, ma la cultura di questo già sfasciato stivale.

Da febbraio gli studenti non frequentano e la cosiddetta didattica on line è il fallimento di tutte le politiche educative e scolastiche nonostante gli imbecilli che si sciacquano la bocca magnificandone i risultati. Non si è mai visto né, alle nostre latitudini, si potrà mai vedere né concepire, una scuola che non sia quella tradizionale, già abbastanza deturpata dai dementi del Nuovo Millennio, con il contatto e il confronto fisico a farla, giustamente, da padroni.

Quest’anno è stato un anno da buttare per tutti salvo che per i docenti ai quali, onestamente, le cose cambiano relativamente: sì, qualche difficoltà in più, doversi reinventare la didattica sul web, ma, ciò che maggiormente conta, è che il 27 di ogni mese, caschi il mondo o prevalga la pandemia, lo stipendio piova sul conto corrente. Così i sindacati, una delle principali rovine di questo disgraziato Paese, soprattutto, nel settore del pubblico impiego, hanno avuto poche difficoltà, per non dire nessuna, a coniugare la tutela della salute con quella del portafoglio.

A rimetterci, inutile dirlo, sono stati i ragazzi, di ogni ordine e grado, i quali sono passati da una sensazione di sorpresa e di gioia per l’iniziale assenza dai banchi, a una forma di delusione, depressione, frustrazione per una costrizione che non solo non ha, per loro, alcun senso, ma ed è questo il problema, buonsenso.

Sappiamo tutti che i bambini e i giovani fino ai 40 e anche oltre, meglio ancora se femmine, non hanno, salvo eccezioni, alcun tipo di rapporto conflittuale con il Covid-19. Se ne vengono colti, restano alcuni giorni a casa febbricitanti e doloranti e, poi, via di nuovo con tutta la carica e l’energia vitale dei loro anni. Ciò nonostante, questo Governo e le centinaia di componenti le task-force in appoggio, hanno ritenuto non solo che il lockdown scolastico fosse irrinunciabile e improrogabile, ma, addirittura, definitivo altrimenti, come ha scritto il comitato tecnico scientifico nella sua relazione da folli, decine di migliaia di persone sarebbero finite in terapia intensiva entro il 10 giugno collassando nuovamente la penisola.

Tutti promossi, nessun rimandato né bocciato. Se non è il trionfo delle tesi potoppiste e della sinistra extraparlamentare degli anni di piombo, poco ci manca. Se, poi, ci aggiungiamo il reddito di cittadinanza, quello di emergenza e altri ancora invocati dai parassiti pentapallati e della sinistra nemmeno tanto estrema, ecco che le teorie di Franco Piperno e compagni trovano, a distanza di oltre 40 anni, una potenziale realizzazione.

Che, poi, questo sarà un anno in cui il diploma non avrà alcun valore per non parlare degli altri titoli di studio, frega poco a tutti. Del resto, tra lauree brevi, medie e lunghe, ormai anche l’università è andata a farsi benedire da un pezzo.

Quindi, e visto che riaprire le gabbie a settembre non è, evidentemente, sufficiente, il genio del ministro Azzolina – noi di Azzolina conoscevamo solamente Claudio, il cardiochirurgo e ci limitiamo, per ovvi motivi, a quello – ha pensato bene di annunciare, nel corso di una intervista, che lei, alla ripresa, si fa per dire, delle attività, non pensa davvero “di far tornare gli studenti a scuola con 28-30 persone per classe. Io ho sempre fatto una battaglia contro le classi-pollaio… A settembre si deve tornare a scuola, gli studenti hanno diritto di tornare a scuola e questo vale anche per le scuole elementari”.

Azzolina ha ribadito la quasi certezza di una didattica mista, in parte in presenza e in parte online a distanza: metà studenti a scuola e l’altra metà a casa on line e viceversa durante tutta la settimana.

Ci vuole del coraggio a dire certe cazzate, ma, essendo in Italia, lo si può fare tranquillamente poiché non ci sono conseguenze di alcun tipo.

In sostanza, quindi, i genitori dei bambini e dei preadolescenti, fino alla terza media, dovranno attrezzarsi, se lavorano entrambi, per far sì che qualcuno resti a casa a turni alterni, per non lasciare da soli i propri figli alle prese con la straordinaria opportunità della didattica on line. Le conseguenze sul profitto, sull’istruzione e la cultura, sul lavoro e sulla società, al ministro Azzolina non interessano visto sempre il discorso del 27 di ogni mese e dei soldi garantiti in banca alla categoria.

Dagli insegnanti, a quanto pare, non è giunta alcuna protesta, probabilmente sempre per la stessa ragione di cui sopra. Siamo certi che se l’alternativa fosse tra la rinuncia a metà stipendio e il tornare a scuola come era fino a due mesi fa, il ministro Azzolina avrebbe già fatto la fine di Maria Antonietta e suo marito Luigi XVI.

Il tutto per la paura, divenuta terrore e, adesso, panico, di contrarre un virus che, come sostengono all’istituto superiore di sanità, non produce effetti deleteri se non temporanei, sui milioni di studenti i quali, tuttavia, si fa osservare dal Governo, potrebbero contagiare i docenti la cui età, pare, sia piuttosto avanzata e, poi, chi li sente i sindacati…

Quindi, appare evidente che la scuola italiana sarà una farsa per chissà quanto tempo ancora in attesa del famigerato vaccino – noi ci rifiutiamo a qualsiasi tipo di esperimento medico-sanitario – con lacune spaventose e contraccolpi inimmaginabili e imprevedibili sulla psiche e sullo sviluppo dei principali protagonisti.

Che dire?, quindi, alla fine di questo discorso se non che, lasciatecelo dire, una camicia di forza, ma non solo una, non soltanto sarebbe utile, ma, a nostro modesto avviso, indispensabile e, in particolare, obbligatoria dalle parti di Palazzo Chigi.

www.lagazzettadilucca.it

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -