Coronavirus, “i morti sono almeno il doppio di quelli riportati dalla Protezione civile”

Condividi

 

Nel periodo compreso fra il 21 febbraio e il 21 marzo il numero dei morti, in Italia, è aumentato in maniera sensibile, molto di più del numero dei decessi attribuito al Coronavirus. È quanto mette in evidenza un’analisi sui decessi a seguito della pandemia fatta dall’Istituto Cattaneo che ha elaborato la differenza fra la media dei decessi, nello stesso periodo, degli ultimi cinque anni e il numero di quest’anno in 1.080 Comuni italiani, che corrispondono al 12,3 milioni di abitanti, poco più di un quinto della popolazione.

Numero di decessi doppio rispetto a dati Protezione civile – Nei soli comuni presi in esame, infatti, sono morte 8.070 persone in più della media degli anni precedenti, mentre, al 21 marzo, i deceduti positivi al Covid-19 erano 4.825. «Anche sotto un assunto di massima prudenza, in base al quale nei rimanenti 7 mila comuni non dovessero rivelarsi scostamenti rispetto alla mortalità media degli anni precedenti – spiegano Asher Colombo, presidente dell’Istituto e Roberto Impicciatore che hanno condotto l’analisi – il numero di decessi riconducibili a Coronavirus in Italia risulta comunque il doppio di quello a cui si arriva sulla base dei numeri relativi ai pazienti deceduti positivi al test per Covid-19, comunicati dalla Protezione Civile. È plausibile, quindi, che i decessi aggiuntivi non attribuiti a Covid-19 riguardino persone decedute in casa, e sulle quali non è stato eseguito il test di positività».



Aumento percentuale più alto nelle regioni più colpite dal contagio
L’indagine mette in evidenza che l’impatto del coronavirus si è distribuito in maniera difforme nella popolazione italiana. I ricercatori del Cattaneo evidenziano come l’aumento percentuale sia più alto nelle regioni maggiormente colpite dal contagio e riguardi in misura preponderante gli uomini rispetto alle donne. In Lombardia questo aumento è più che doppio, in Emilia-Romagna è vicino al 75%, ma anche nelle altre regioni meno colpite è comunque piuttosto significativo. Picchi, in particolare, si raggiungono nelle città che maggiormente hanno sofferto. A Bergamo l’aumento rilevato è del 266,8% (324 morti in più), a Piacenza del 178,3% (201 in più), a Cremona del 134,6%, a Pesaro del 167,9%. Ma in tutti i comuni presi in esame l’aumento fra la media dei deceduti del periodo 2015-19 e quello del 2020 è significativo.

LO SCOSTAMENTO DELLA MORTALITÀ FRA 2020 E QUINQUENNIO 2015-2019

La differenza tra i morti nel 2020 e nel quinquennio 2015-2019, per regione e area del paese e per sesso, periodo considerato: 21 febbraio-21 marzo, variazioni percentuali

(Fonte: Istituto Cattaneo, Gli effetti della pandemia Covid-19 sulla mortalità)

www.ilsole24ore.com



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -