Coronavirus: 50 morti in casa di riposo a Lodi, negati tamponi

Condividi

 

Non c’è solo la casa di riposo a Mediglia, nel Milanese, tra i casi più drammatici legati all’emergenza coronavirus in Lombardia. Perché, a qualche chilometro di distanza, Lodi sta vivendo una situazione molto simile. Una cinquantina di anziani morti in poco più di un mese su 260 ospiti. Numeri drammatici. “Da qualche giorno a Lodi la situazione si è aggravata, è da bollino rosso- spiega all’Adnkronos Francesco Milanesi, consigliere comunale del gruppo Lodi Civica -. Nella casa di riposo di Fondazione Santa Chiara, fino a metà marzo ci sono stati 38 morti contro 4 dell’anno scorso, non si sa se sono morti con o per coronavirus perché l’Ats di Regione Lombardia continua a non dare il via libera per fare i tamponi“.

La richiesta è stata avanzata sia dalla Fondazione Santa Chiara sia dai consiglieri comunali di Lodi. I vertici, a inizio marzo, hanno bloccato gli ingressi dei parenti. Dapprima contingentandoli, solo un’ora al giorno a un solo parente, poi hanno chiuso tutto. Ma i decessi sono continuati. Il quadro è drammatico, e ad oggi, primo aprile, parla di una cinquantina di decessi.



“Noi consiglieri comunali di minoranza, insieme alla Fondazione, abbiamo scritto al prefetto Marcello Cardona la settimana scorsa – spiega Milanesi – dicendogli che stanno morendo tanti anziani, a nessuno è stato fatto il tampone e nessuno dei dipendenti che lavorano nella struttura ha la possibilità di fare il tampone. Il prefetto ha scritto subito all’Ats ma in 10 giorni non si è mosso assolutamente nulla. Il sindaco anche l’altro giorno ha continuato a dire che tramite il rappresentate dei sindaci presso l’Ats è stato chiesto un sollecito ma non è stato dato via ancora alcun via libera”.

Il rischio per i 260 ospiti e chi li assiste è altissimo. “Il direttore sanitario – sottolinea il consigliere lodigiano – fortunatamente si è attivato per dividere i pazienti sintomatici dagli altri ma non è detto che se un ospite è sintomatico non abbia il virus. Infermieri e operatori non hanno fatto i tamponi, solo se superano 37,5 di febbre tornano a casa e si mettono in quarantena. Il ministero della Sanità ha detto che i tamponi devono essere fatti agli operatori sanitari e non si capisce perché Ats non sblocchi la situazione. Siamo al limite, non c’è più tempo, serve subito fare i tamponi”.

La preoccupazione è molta anche tra i familiari degli ospiti della struttura: “Sono preoccupatissimi, il clima è teso – rimarca Milanesi – ci chiamano continuamente per chiederci notizie sui loro cari. Il sindaco ha fatto appello tramite il nostro rappresentante dei sindaci. La situazione è abbastanza preoccupante, è una bomba che rischia di esplodere, se non si riescono a fare i tamponi almeno al personale e ai sintomatici”..  ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -