‘Eterno riposo’ in Tv, si scatena l’odio contro contro Salvini

di Antonella Nesi (adnkronos) – Barbara D’Urso recita l’Eterno riposo in tv per i morti da coronavirus, su Canale 5, durante il suo ‘Live Non è la D’Urso’, Matteo Salvini si associa e sui social il video della preghiera televisiva dei due diventa virale, con una valanga di commenti di condanna quando non di insulti. “Io lo posso recitare – esordisce la conduttrice – perché tanto tutte le sere io faccio il rosario, non me ne vergogno, anzi sono orgogliosa di dirlo. L’eterno riposo, dona loro, o Signore, e splenda ad essi la Luce perpetua. Riposino in pace. Amen”. “Siamo in due Barbara”, le fa eco Matteo Salvini, che poi recita a sua volta la preghiera.

Bastano pochi minuti e la scena finisce sui social. Tanto che l’hashtag #D’Urso è in vetta alle tendenze Twitter e i commenti sono migliaia. “E con questi due che recitano insieme l’Eterno riposo in tv, abbiamo visto tutto. Chiedo scusa ai morti”, scrive Selvaggia Lucarelli. E sotto, Claudio Carrara di Brescia commenta: “Mio padre è morto in ospedale a Bg il 10/3… da solo, come ahimè tutti i positivi #Covid_19. questo squallido teatrino è un insulto alla sua memoria! Con che coraggio! Barbara D’Urso e Matteo Salvini dovreste vergognarvi! Non ci sono parole allo schifo!”

“Sono basito e scandalizzato. Spero che non corrisponda a realtà ma sembrerebbe che Salvini e la D’Urso abbiano pregato assieme in diretta su Canale 5. Io credo che questa assurda deriva populista vada fermata, non è possibile sopportare ulteriormente questo indecoroso spettacolo”, twitta lo scrittore Eugenio Cardi. Non mancano le battute, come quella dell’account satirico ‘Il rutto sovranista’: “Dopo la preghiera in diretta con Barbara D’Urso, Salvini domenica prossima si cimenterà in due miracoli: trasformare l’acqua in vino e le cazzate in voti”.

Il direttore di ‘Wired’ Federico Ferrazza, cinguetta preoccupato: “Barbara D’Urso e Matteo Salvini hanno recitato in diretta tv l’Eterno Riposo, la preghiera per i defunti dei cattolici. Che qualunque dio ci protegga”.

Anche diversi (sedicenti, ndr) cattolici intervengono con commenti quantomeno critici: “Adesso con la religione hanno passato il limite, io sono cattolica e sono furiosa per l’uso strumentale che ne viene fatto da costoro, ma aspetto ‘I mulini del Signore macinano lentamente, ma macinano molto fine’ diceva mia nonna…”

Turpiloquio, bestemmie, atti vandalici: cosa resta dopo l’8 marzo

 

Condividi