Coronavirus, migranti in quarantena fuggono dall’hotel

Gli 85 immigrati in questione, sono quelli sbarcati nei giorni scorsi a Lampedusa e poi trasferiti, con il traghetto di linea, in un hotel di Porto Empedocle, il tutto senza passare per il centro d’accoglienza di contrada Imbriacola dell’isola che al momento è off-limits, perché all’interno in via precauzionale, sono ospitati 26 migranti in isolamento, sbarcati nei giorni scorsi.

Alcuni di questi migranti però, che dovevano stare in quarantena dentro l’albergo, hanno deciso di uscire e sono stati visti in giro in quel di Porto Empedocle, mentre altri nel centro di Agrigento.

Immediate sono partite le telefonate al 112 da parte di cittadini preoccupati per possibili casi di contagio da Coronavirus e nei posti segnalati sono arrivate le forze dell’ordine che hanno richiamato i passeggiatori, denunciandone 5.

Il questore di Agrigento Rosa Maria Iraci, massima autorità di pubblica sicurezza, è corsa ai ripari ed ha attivato presidi fissi e dinamici lungo il perimetro dell’hotel e lungo le strade statali 115 e 640, con lo scopo di tenere sotto controllo i migranti 24 ore su 24.

Nell’operazione sono state impiegate pattuglie della Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e persino Esercito, personale di Stato che in questo momento di estrema emergenza, servirebbe per ben altre funzioni. Così GdS.it.

Migranti sbarcati a Porto Empedocle, quarantena in hotel

Condividi