Carceri: agenti obbligati a non indossare mascherine “per non turbare i detenuti”

Le misure di sicurezza per contenere il coronavirus non valgono all’interno delle carceri italiane. È la denuncia dell’Osapp, il sindacato della polizia penitenziaria, che denuncia come le direzioni di alcune case circondariali, come quella di Torino, Pesaro o Verona, “non consentano al personale di indossare durante il servizio a diretto contatto con i detenuti le mascherine, anche se acquistate personalmente”.

Il motivo? “Determinerebbero inquietudine e timore nei reclusi”. – Insomma, se di norma le mascherine scarseggiano o sono inadeguate, come è stato denunciato nei giorni scorsi, in alcuni istituti ora viene addirittura vietato di indossarle “per non creare allarmismo” . Il timore, secondo quanto si legge in una comunicazione interna del carcere di Torino, è che possano verificarsi nuove rivolte. “In questo modo, però, si mette a rischio la salute degli uni e degli altri”, attacca Leo Beneduci, segretario generale dell’organizzazione. Senza contare che in alcune carceri sono stati proprio i detenuti a pretendere che gli operatori indossassero i dispositivi di protezione a tutela della popolazione carceraria.

Non solo. Il sindacalista, in una missiva indirizzata al commissario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri, osserva come all’indomani delle proteste della scorsa settimana nelle carceri della penisola numerosi detenuti sono stati trasferiti “contravvenendo alle misure di divieto di allontanamento”. “In buona sostanza mentre nel territorio dello Stato i cittadini liberi hanno subito restrizioni e divieti – attacca Beneduci – in ambito penitenziario è venuta meno ogni cautela distribuendo persone sul territorio, come avviene in condizioni di normalità, con conseguente rischio di propagazione del virus, mentre si sarebbe potuto provvedere al provvisorio alloggiamento dei ristretti nell’ambito del territorio sede del carcere, ad esempio, mediante l’installazione di tende o alloggi prefabbricati”. […]

Alessandra Benignetti – www.ilgiornale.it

Condividi