Coronavirus in Afghanistan, residenti con mascherine a Herat

Il primo caso afgano di coronavirus è stato confermato lunedì nella provincia di Herat al confine con l’Iran. I residenti di Herat, che indossano mascherine, hanno chiesto alle autorità  di attuare le misure necessarie per prevenire la diffusione del virus.

“Sto usando una maschera perché il coronavirus è arrivato a Herat. Chiedo ai settori medici di proteggerci da questo pericoloso virus in fretta fino a quando non potremo combattere il coronavirus nel nostro paese”, ha detto Zahit, un locale.

“Dato che non abbiamo strutture mediche, sto usando una maschera per proteggermi dal coronavirus. Chiedo al governo di importare quelle attrezzature e medicine che possono curare il coronavirus il più velocemente possibile”, ha detto un altro residente di Herat.

Un portavoce del governatore di Herat ha affermato che “il ministero della sanità pubblica ha aumentato le squadre mediche in alcune parti dell’Afghanistan. Sono tutti impegnati a catturare, curare o mettere in quarantena coloro che sono sospettati di avere il coronavirus in Afghanistan“.

I rapporti indicano che uno stato di emergenza è stato dichiarato sul territorio dopo che un 35enne tornato di recente dallla città iraniana di Qom è stato confermato affetto dal coronavirus, noto anche come COVID-19. Ora è in quarantena.

Le autorità hanno annunciato che il confine con l’Iran è chiuso e hanno esortato gli afgani a limitare i loro viaggi nella provincia di Herat.

Condividi