“Diventerai calciatore”, così i trafficanti attirano giovani migranti in Europa

Giulio Mola  –  www.ilgiorno.it

Milano, 31 gennaio 2020 – In Inghilterra e Francia, ma soprattutto nei palazzi del pallone, ha un nome che dice tutto: “football trafficking”. In Italia è “tratta degli Invisibili”. Un sistema che serve a riempire (nella migliore delle ipotesi) le tasche di veri o falsi agenti Fifa e arricchire intermediari poco raccomandabili. Oppure (quando va male) contribuisce ad alimentare un traffico di essere umani giovanissimi che soli, senza soldi, e abbandonati a migliaia di chilometri da casa diventano facili prede per organizzazioni criminali dedite allo spaccio di droga, alla prostituzione e al traffico di organi.

Spesso gli “invisibili” vengono nascosti fra le migliaia di clandestini che tentano di attraversare il Mediterraneo. Qualcosa si cominciò a capire quando a bordo di un peschereccio abbandonato, fermo a largo di Tenerife, vi era un carico di 130 uomini proveniente dall’Africa occidentale. Fra questi una ventina di adolescenti senza genitori che intraprendevano il viaggio della speranza con la falsa promessa di contratti con squadre di calcio quali Real Madrid, Marsiglia, Milan o Inter. “Ieri sera ho parlato con un giovane giocatore dell’Africa centrale arrivato dieci mesi fa a Tangeri, in Marocco – ci rivela una fonte – sta aspettando la prossima occasione per attraversare il mare in gommone per la Spagna. Dopo due tentativi falliti che hanno portato alla morte di molti dei suoi compagni di viaggio…”. Diciottomila i ragazzi fra i 10 e i 18 anni che ogni anno arrivano in Europa dall’Africa soprattutto Nigeria, Gambia Ghana e Costa d’Avorio. E ben 8mila transitano dall’Italia (molti ci restano). Le inchieste ci sono state ma quel che manca è la prevenzione. […]

Questi ragazzini sognavano ben altro e invece finiscono in un brutto giro – racconta un noto agente Fifa contattato pure lui da loschi individui –. Arrivano in Italia senza nulla, ai più talentuosi viene procurato un permesso di soggiorno in Svizzera, un passaporto e talvolta un contratto di lavoro in Italia da calciatori dilettanti. Ingaggi che oscillano fra i 9mila e i 13mila euro all’anno, una miseria. Anche perché quelli che si spacciano per agenti pretendono i due terzi di quella somma”.

Ma dove si muovono i “trafficanti”? La maggior parte dei paesi dell’Africa occidentale ha accademie di calcio frequentate dagli scout. Tante sono proliferate soprattutto in Nigeria e servono solo come pretesto per attirare in Europa adolescenti, con false promesse. Nascosti fra talent scout molto seri ci sono osservatori disonesti, che avvicinano le famiglie convincendole a pagare fino a 10mila o 12mila euro.

Condividi