Toninelli: pedaggi aumentati in regioni leghiste. Ma li ha firmati lui

Botta e risposta a distanza tra l’ex ministro dei Trasporti e delle infrastrutture Danilo Toninelli e l’assessore regionale alle infrastrutture del Veneto, Elisa De Berti sull’aumento dei pedaggi autostradali. In un video su Facebook il pentastellato, oggi sanatore, afferma: «Le uniche Regioni dove sono aumentati i pedaggi sono Lombardia e Veneto, le uniche amministrati dai “bravissimi” leghisti. Una delle concessioni autostradale che ha predisposto aumenti è, per esempio, quella del Veneto di Luca Zaia. Gli aumenti sono scattati perché il modello di gestione alla base delle concessioni è sbagliato».

Come fa notare ilsole24ore.com, a stretto giro arriva la replica di De Berti. «Forse l’ex ministro Toninelli dimentica di aver firmato lui, nelle vesti di membro del governo Conte I, a fine 2018, il decreto di aumento delle tariffe dei pedaggi di Cav (Concessionaria Autovie Venete, ndr )entrato in vigore l’1 gennaio 2019. Inoltre pare aver dimenticato che Cav è una società concessionaria pubblica, dove il 50% per cento è in mano ad Anas, che esprime anche l’amministratore delegato».

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi