Burkina Faso, islamisti contro l’istruzione: insegnanti uccisi, 1800 scuole chiuse

“Ci sono state minacce e il nostro insegnante ci ha detto di fuggire, perché i terroristi stavano arrivando. Sono venuti a scuola, ma non ci hanno trovato”, ha detto Boureima Ba, 19 anni, seduta di fronte una piccola moschea alla periferia di Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, dove ha appena pregato. “Poi la scuola ha chiuso”, ha detto. A maggio, l’adolescente ha lasciato il suo villaggio nel nord del paese per stabilirsi con uno zio e continuare gli studi in una scuola superiore locale.

In Burkina Faso, il deterioramento della situazione della sicurezza sta accelerando e gli attacchi stanno aumentando. I terroristi islamici prendono di mira le forze di difesa, la polizia, i simboli dello stato, ma anche, sempre più spesso, i civili. I gruppi armati si sono gradualmente stabiliti, principalmente nel nord e nell’est del paese che ha oltre mezzo milione di sfollati interni. Circa 1.800 scuole hanno dovuto chiudere.

“Decine di migliaia di bambini non vanno più a scuola. Alcuni già da più di due anni”, ha dichiarato Bernard Kitambala, responsabile dell’ufficio dell’UNICEF a Dori, capitale della provincia del Sahel, a circa 100 km dal confine con la Malia. Vi sono state minacce contro le scuole e alcune sono state realizzate “. L’educazione “occidentale” è vista come corruttiva o superflua da alcuni predicatori islamici radicali. Gli insegnanti sono stati uccisi, le aule sono state bruciate.
“Temo, ma dobbiamo andare avanti”

A Dori, in una scuola elementare, un insegnante cerca di essere ascoltato da un centinaio di bambini. “Non è facile insegnare in queste condizioni. Le tende sono state allestite e utilizzate come aule”, ha detto. “Ma i bambini hanno difficoltà a concentrarsi (…). Questi bambini hanno diritto a un’istruzione “.

“Mentre eravamo in classe, improvvisamente, abbiamo sentito degli spari e siamo stati costretti a evacuare gli studenti”, ha detto Tidiane Koundaba, insegnante a Gorgadji, nella provincia di Séno, uno degli epicentri del conflitto, nel nord. “La scuola non è stata presa di mira direttamente. Ma ci siamo chiesti se, dopo il municipio e la stazione di polizia, non saremmo diventati l’obiettivo delle rappresaglie”.

La violenza ha lasciato un profondo trauma. “Sono arrivati ​​in moto … Erano jihadisti, indossavano turbanti in testa. Hanno sparato fino all’alba“, ricorda Ramata, 15 anni. Uno zio e diversi parenti sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco dagli aggressori nel suo villaggio.

“Sono fuggito con la mia famiglia. Eravamo una quarantina di persone. Abbiamo corso verso la città di Arbinda, a quindici chilometri di distanza”, dice la ragazza, e una lacrima che le scorre lungo la guancia, come ricorda quella notte di aprile. “Non abbiamo nemmeno avuto il tempo di mettere le scarpe.”

https://www.rtbf.be/

Condividi