Kenya: si rifiutano di recitare preghiera islamica, 9 cristiani uccisi

Condividi

 

foto archivio

9 cristiani sono stati assassinati in Kenya per essersi rifiutati di recitare lo Shahada, il credo islamico. L’International Christian Concern (ICC), in un rapporto esclusivo, ha riferito che l’attacco è avvenuto all’inizio di questo mese quando, nove cristiani che stavano viaggiando in autobus per Mandera, sono stati separati dagli altri passeggeri e uccisi nel nord-est del Kenya. Quando si sono rifiutati di recitare il credo islamico, lo Shahada, sono stati “trascinatiati fuori dall’autobus e uccisi a distanza ravvicinata da islamisti di Al-Shabaab”.

I nomi dei cristiani uccisi sono: Athanus Kiti, Enos Odhiambo, Kelvin Mandela, Wisely Meli, Tikane Kasale, Leonard Mukanda, Francis Mbuvi, Rodgers Machuka e Anchari Okerosi. I due ancora dispersi sono Emmanuel Barasa e Nathan Bett, secondo l’ICC.

foto archivio

Un passeggero ha attribuito la sua sopravvivenza a un musulmano che gli ha lanciato alcuni vestiti somali da indossare, quando l’autobus è stato dirottato per la prima volta. Dall’aspetto, i dirottatori hanno creduto che fosse un musulmano.

“Siamo profondamente rattristati  per gli omicidi di cristiani kenioti”, ha affermato Dede Laugesen, direttore esecutivo di Save the Persecuted Christians. “I musulmani devono parlare di queste  infinite, insensate uccisioni di persone innocenti solo perché professano una religione diversa dalla loro. La libertà di religione o di credo è un diritto umano universale che deve essere protetto e promosso da tutti, per il bene della pace e della prosperità. Questo deve finire, ma non accadrà fino a quando i musulmani in massa non chiederanno la fine della violenza contro persone di altre religioni”

Ibrahim Ali Roba, il governatore di Mandera, ha commentato l’attacco terroristico, dicendo: “Sono profondamente rattristato per l’attacco atroce dell’autobus vicino a Kotulo, Wajir oggi intorno alle 17:00, dove sono stati uccisi o dispersi 10 passeggeri, che i sospetti combattenti di al-Shabaab combattono vigliaccamente”.

L’attacco arriva solo un mese dopo che otto operai edili a Mandera sono riusciti a salvarsi quando il gruppo militante somalo al-Shabaab ha teso un’imboscata al loro furgone lungo la strada Elwak-Kotulo.

È comune, nel nord-est del Kenya, che i terroristi prendano di mira gli autobus, separino i passeggeri per identità religiosa e uccidono tutti i cristiani, secondo la CPI.

Nel 2018, Fredrick Ngui Ngonde e Joshua Ooko Obila furono uccisi in modo simile per aver rifiutato di recitare il credo islamico lungo la strada di Garissa Masalani.

Nel 2015, 148 studenti della Garissa University sono stati uccisi da uomini armati, mentre gli studenti musulmani sono stati liberati. Nello stesso anno, un’insegnante musulmana, Salah Farah, è stata aggredita per aver difeso alcuni passeggeri cristiani che erano stati separati prima dell’esecuzione da parte di al-Shabaab.

Nel 2014, 28 insegnanti in viaggio verso Nairobi per le vacanze di Natale sono stati uccisi dopo essere stati costretti a recitare la dichiarazione di fede islamica.

“Preghiamo per le famiglie dei defunti e affinché la pace arrivi in ​​una regione che ha visto aumentare la violenza nei confronti dei cristiani che stanno solo cercando di sopravvivere”, ha dichiarato Nathan Johnson, direttore regionale dell’ICC per l’Africa. “Speriamo che il governo agisca efficacemente per fermare l’assassinio senza senso di così tanti cristiani in Kenya per mano di estremisti islamici. Lodiamo Dio come rifugio per i nostri fratelli e sorelle perseguitati in Cristo che continuano a sopportare così tanto”.

Secondo Open Doors USA World Watch List, il Kenya si classifica al 40esimo posto nei primi 50 paesi in cui è più pericoloso essere cristiani.

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -