Feltri: “Dio salvi Boris e ci liberi da Di Maio e Zingaretti”

di Vittorio Feltri

Tutta la stampa conformistica del Continente dava del buzzurro e perfino dell’ idiota al premier inglese Boris. Poi però si sono svolte le elezioni e costui le ha stravinte ottenendo percentuali di consenso imbarazzanti per gli sconfitti.
La sinistra praticamente è morta di vecchiaia, non essendo in grado di comprendere gli umori e le esigenze del popolo. Si è fatta superare dalla realtà anglosassone, esattamente come quella italiana massacrata dalla Lega e che vive di ricordi distorti, incapace di interpretare le aspirazioni della gente.

Qualcuno si ostina a dire che i conservatori (la destra) siano apprezzati dagli anziani (ultra sessantenni) e dalle persone che abitano in periferia, mentre i laburisti abbondino tra i giovani e gli intellettuali. Ma per vincere le consultazioni servono i suffragi, che vanno contati e non analizzati dal punto di vista sociologico. Si dà il caso che in democrazia non abbiano peso l’ età e neppure le condizioni economiche: valgono i numeri. Anche perché i ragazzi sono destinati o a morire o, i più fortunati, a invecchiare, pertanto, il bilancio quadra sempre allo stesso modo.

I laburisti oltremanica sono identici ai loro colleghi del Pd, fuori dal tempo e dalla logica. Criticano gli avversari per la pettinatura, per il loro linguaggio, per il modo in cui si presentano in pubblico, per tutto meno che per la politica.
Johnson è stato accusato di essere ignorante e cafone, esattamente gli stessi appunti rivolti qui da noi a Salvini e alla Meloni. Però gli inglesi hanno gradito e confermato il loro primo ministro e sono favorevoli alla Brexit che significa togliersi il cappio della Ue e rendersi liberi dai condizionamenti restrittivi di Bruxelles.

Nei prossimi mesi vedremo quale sarà il destino dell’ Inghilterra in campo finanziario. E se sarà buono, come noi pensiamo, l’ Europa andrà a farsi benedire quanto si merita. Poiché saremo davanti alla dimostrazione del suo fallimento, alla sua inadeguatezza a tutelare gli interessi dei cittadini di vari Paesi che non hanno nulla in comune, né la lingua né la cultura né le leggi né i costumi. Lo sfascio è imminente.
Dio salvi Boris e pure la regina. E ci liberi da Di Maio, da Conte e Zingaretti.

www.liberoquotidiano.it

Condividi