Studenti bendati simulano traversata dei migranti “ora sapete per chi votare”

Condividi

 

Modena – Far vivere agli studenti di una classe superiore quarta il viaggio compiuto verso l’Italia dai migranti in mare, con tanto di spruzzi d’acqua, rumori e onde artificiali. È l’esperienza sensoriale che è andata in scena in un liceo di Modena, nell’ambito del Festival delle migrazioni, e che risulta a dir poco indigesta a Forza Italia. Ne parlano gli azzurri Antonio Platis, candidato alle regionali del 26 gennaio, Enrico Aimi, senatore, e Andrea Galli, presidente del gruppo Fi in Regione.

La vicenda è riportata da Il Resto del Carlino – “Un importante liceo di Modena – ricostruiscono in una nota Platis e Aimi, che hanno raccolto informazioni dalla madre di uno degli studenti interessati – porta una scolaresca in una struttura gestita dai volontari e assieme al professore di religione fanno provare agli alunni, per circa due ore, il percorso dei migranti in mare. La storia che abbiamo raccolto da un ragazzo di 17 anni è gravissima. Sono stati costretti a togliersi le scarpe. Gli ‘operatori’ del centro hanno bagnato i piedi agli alunni e poi hanno caricato su un finto gommone la scolaresca. Per simulare il mare hanno utilizzato un ventilatore che sparava aria gelida sulla faccia e, di tanto in tanto, arrivavano anche gli spruzzi di acqua per ricordare le onde”.

E il tutto, rincarano Platis e Aimi, “mentre i ragazzi erano bendati: il percorso prevedeva anche una finta visita medica, in cui la guardia costiera spintonava gli studenti-migranti e faceva inginocchiare tutti in fila per terra”. Di più: agli azzurri risulta che a un operatore, terminata l’esperienza sensoriale, sia scappata nei confronti dei ragazzi una battuta del tipo ‘ora sapete per chi votare‘.

In ogni caso, tuona sull’iniziativa anche Galli: “Quale sia il valore pedagogico di far fare agli studenti delle superiori l’esperienza sensoriale dei migranti sfugge anche all’intelletto più attento. Eppure a Modena questo è successo durante il Festival delle migrazioni agli alunni di diversi istituti modenesi”. Il capogruppo fa riferimento, scrive in una nota, a quanto organizzato nei giorni scorsi al centro famiglia Nazareth di Modena, e sentenzia: “A Modena va in scena l’ideologia della accoglienza forzata. Se questa è la scuola pubblica, un laboratorio per indottrinare i giovani alla cultura della accoglienza forzata e all’annullamento delle radici culturali italiane, allora c’è da temere“.

Gli organizzatori del Festival delle migrazioni, interpellati sull’argomento, hanno preferito non replicare. La simulazione era stata proposta anche lo scorso anno.

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a Imolaggi – Armando Manocchia risponde ai professionisti della mistificazione

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -