Attacco Londra, ministero giustizia: revisione benefici ai detenuti

ROMA, 1 DIC – Il ministero della Giustizia britannico ha iniziato nella notte una revisione urgente dei casi di benefici e permessi, come la semilibertà, a detenuti potenzialmente pericolosi, esaminando almeno 70 casi, su input del primo ministro Boris Johnson. Lo scrivono alcuni media britannici, fra cui la Bbc e il Daily Mail.

Il governo, incalzato anche dall’opposizione Labour di Jeremy Corbyn, che lo accusa di aver stretto i cordoni della borsa con la polizia per motivi di austerità, è stato investito dalla bufera dopo l’attentato di venerdì a London Bridge.

L’accoltellatore 28enne Usman Khan, che ha ucciso due persone e ne ha ferite gravemente altre 3, è infatti risultato essere stato scarcerato in anticipo, malgrado avesse scontato solo 6 dei 16 anni della condanna inflittagli per terrorismo nel 2012.
Ieri Johnson, che si è recato sul luogo dell’attacco, ha promesso “certezza della pena” per i soggetti pericolosi. ansa

Siamo una comunità sotto assedio, inebetita, inerme, impotente

di Augusto Bassi You must RUN, HIDE, TELL. Questo il vivido tweet della City of London Police dopo gli «incidenti» di questa notte. Correre, fuggire verso un posto sicuro; silenziare i telefoni e barricarsi; chiamare il 999. Allarmante ed esilarante vademecum – se anche nel tragico si preserva il senso del ridicolo – di una…

Killer Londra, capo anti terrorismo: “Roulette russa con la vita delle persone”

“Stiamo giocando alla roulette russa con la vita delle persone, lasciando noti, condannati criminali radicalizzati liberi in circolazione nelle nostre strade“. Così l’ex capo dell’ufficio anti terrorismo britannico, Chris Phillips, si è sfogato contro “un sistema giudiziario che deve fare i conti con se stesso” dopo che è emerso che Usman Khan, l’uomo che ieri…

Attacco Londra: Usman Khan era stato condannato a 16 anni nel 2012. Era libero

di origini pachistane, avrebbe dovuto scontare una pena di 16 anni , e un minimo di 8 effettivi, secondo una condanna inflittagli nel 2012

Londra, il killer era un ex detenuto legato a gruppi islamisti

L’aggressore di London Bridge era un ex detenuto con legami con gruppi terroristici di matrice islamica. Lo riferiscono fonti investigative citati dalla Bbc e dall’agenzia Pa. Aveva 28 anni e si chiamava Usman Khan l’attentatore che ieri sul London Bridge ha accoltellato i passanti uccidendone due e ferendone altri tre, prima di essere a sua…

Condividi