Open Arms, immigrazione clandestina: fermati due siriani

Condividi

 

Due cittadini siriani di 34 e 25 anni sono stati fermati dalla polizia con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Per gli investigatori della squadra mobile di Ragusa e di Agrigento sono loro i presunti scafisti delle imbarcazioni cariche di migranti soccorse dalla Open Arms. Dopo lo sbarco a Lampedusa, in 100 sono stati trasferiti con un autobus nell’hotspot di Pozzallo per essere visitati e identificati.

Gli agenti, su delega della procura di Agrigento guidata da Luigi Patronaggio e competente per territorio, hanno ascoltato numerosi migranti. E il lavoro congiunto svolto a Lampedusa e Pozzallo ha permesso di stringere il cerchio sui due siriani. Secondo i testimoni sono loro ad aver condotto l’imbarcazione partita dalle coste libiche alternandosi tra timone, bussola e satellitare.



Il sostituto procuratore, Cecilia Baravelli, titolare dell’indagine, ricevuta l’informativa redatta dagli uomini della Polizia di Stato, ha emesso il decreto di fermo a carico dei due siriani, disponendo che venissero condotti in carcere in quanto indagati del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Gli uomini della Squadra mobile di Ragusa e Agrigento hanno eseguito il provvedimento a Pozzallo (uno era già stato trasferito presso l’hotspot ibleo) e Lampedusa dove ancora si trovava l’altro scafista. Le indagini proseguono per individuare gli scafisti delle altre due imbarcazioni soccorse. ADNKRONOS



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -