Omicidio nel Novarese, movente passionale “l’ho ucciso per amore”

Condividi

 

Ha confessato l’omicidio su Facebook prima di essere fermato dai carabinieri. “Voglio scusarmi, ho fatto una cazz… per amore” ha scritto Alberto Pastore, 23 anni, il giovane che la notte scorsa, a Borgo Ticino (Novara), ha ucciso a coltellate un coetaneo, Yoan Leonardi, con il quale aveva litigato per questioni sentimentali. E’ accaduto poco dopo le 2, quando davanti al locale è scoppiata una rissa al termine della quale è rimasto a terra un ragazzo, colpito da più coltellate.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i due giovani si sono incontrati verso le 2, davanti a un pub in zona Campagnola. Ne è nata una lite al termine della quale uno dei due, colpito da diverse coltellate, è rimasto a terra. I soccorsi degli operatori del 118 sono stati inutili. Il presunto responsabile è stato fermato quasi nell’immediatezza del fatto.



Voglio scusarmi ho fatto una c… per amore, ho scoperto troppe cose dal mio migliore amico, non potevo continuare in questo modo, sono stato preso in giro… Nella mia vita ho commesso troppi errori e il mio errore più grande è questo…“. E’ il post lasciato da Pastore su Facebook subito dopo l’accoltellamento. Poco dopo il giovane è stato fermato dai carabinieri. Il delitto è avvenuto questa notte, verso le 2, davanti a un pub della frazione Campagnola di Borgo Ticino.

Non è ancora chiaro se i due si fossero dati appuntamento per chiarirsi o se la lite sia cominciata nel locale e poi proseguita fuori. Pastore, comunque, ha estratto un coltello e ha colpito Leonardi, per poi darsi alla fuga. Pochi minuti dopo è stato bloccato dai carabinieri; non prima di essere riuscito a scrivere su Facebook “E’ stata colpa di Yoan”. ANSA



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -