La situazione è complessa, popolata da inquietanti figure

Condividi

 

di Ornella Mariani

La situazione è estremamente complessa:
c’è un Ministro dell’Interno il cui sistematico e delegittimante isolamento istituzionale, sorretto da varie aree giudiziarie; dalla UE; dai Media; dagli Affaristi delle O.N.G. e da un Clero largamente pedofilo, si è risolto in quel larghissimo consenso che la Sinistra prova a contenere attraverso le attività criminali dei Centri Sociali.

C’è un Premier ambiguo che, a margine della elezione dell’antiitaliana Ursula von der Leyen; della questione moscovita e della sfiducia tributatagli dai suoi stessi Sodali, ha radicalizzato la contrapposizione con l’Alleato fino alla ineludibile apertura della crisi.

C’è una inquietante figura pseudopapale che, subdola; ipocrita; divisiva; pericolosa; vendicativa; manipolatrice; mistificatrice; ostile alle sovranità; asservita ai Potentati finanziari e sempre più intollerabilmente interferente nelle nostre vicende, costituisce ragione di disagio per la stessa Comunità cattolica.
C’è: militante a Sinistra, una pletora di Incompetenti e Buffoni di Stato supportati da assoldati guitti d’oltreoceano.

C’è: schierata a Sinistra, una Magistratura che non ha ancora fornito le dovute risposte alla diffusa illegalità e all’assenza di qualsivoglia sicurezza.
C’è: con coinvolgimento di Soggetti della Sinistra, la oscenità del caso Bibbiano che denuncia il totalitarismo del “Politicamente corretto” di una Società priva di Padre e Madre e preda di un parossismo libertario, mirato allo sdoganamento della pedofilia; alla distorsione delle norme biologiche; all’assecondamento delle pulsioni bestiali; alla omosessualizzazione sociale; alla disintegrazione dei valori residui ed alla più torbida e ripugnante involuzione morale, fondata sul vizio surrettiziamente definito superamento dei tabù.

C’è: collocato storicamente a Sinistra, un Pietro Grasso che irresponsabilmente invoca la lotta armata: “…non si può andare contro LA BESTIA a mani nude…” (n.d.a.: la bestia è Salvini!)
C‘è: Deputato di Sinistra, tal Sandro Gozi prestato in nostro danno alle mire dello Psicopatico francese, senza che ci si chieda a quali e quanti rischi venga esposta un’Italia ormai terreno di scontro interno e di conquista esterna.

C’è una invasione afro/islamica incontenibile, che continua ad arricchire Cialtroni ed Avventurieri di una Sinistra decisa a recuperare il consenso perduto fra le fila della feccia importata.
C’è un Paese diviso dalla paura e dall’odio e dalla violenza seminati dalla Sinistra.

C’è, infine, una Sinistra tenacemente arroccata nella difesa di un potere che ha eliminato fino all’ultimo brandello di Cultura laica e insediato una piovra reazionaria i cui tentacoli impegnano ampi settori di Magistratura, Scuola ed Informazione.

Tutto il resto: la questione Tav; l’impegno sull’autonomia; il taglio dei Parlamentari; la legge di bilancio; la riforma costituzionale sono pretesti giusti a negare una inequivoca realtà: la Maggioranza degli Italiani ha definitivamente chiuso con la Sinistra ed intende esprimersi elettoralmente piuttosto che subire il Governo Conte.

In definitiva: c’è, in giro, tanto di quel letame istituzionale da non fare in tempo a sedimentarlo poiché lo scandalo di oggi sarà coperto da quello di domani…, conseguendone un fermento montante nella Pubblica Opinione cui pretendono di imporre una qualche credibilità i Renzi e gli Zingaretti, con proposte di “Governo di scopo” magari rappresentato dall’incommentabile Fico!
In proposito: c’è un Presidente della Repubblica che attende le “prescrizioni” europee, strafottendosene delle manifeste sofferenze e tensioni di un Paese esasperato da vessazioni, corruttele e squalificati Politici.
E tuttavia, dal guado nel quale è fermo, Egli non potrà ancora disattendere le aspettative a suo tempo manifestate nelle urne; ispirarsi all’immortale Napolitano ed affidare la gestione del Paese ai Bocciati; propinarci una ulteriore grande ammucchiata targata PD e Pentastellati; sottovalutare il rifiuto popolare di una soluzione Renzi/Di Maio, a meno di non voler realizzare, attraverso questa ignobile e concitata gazzarra, un colpo di mano a conferma della tradizionale vocazione golpista della Sinistra.

Rispetto a tale ipotesi, c’è un dato ineludibile: sappiamo di non potercela fare democraticamente, ma sappiamo di poter coniugare speranza e reazione nella consapevole convinzione che neppure Mattarella può farcela….

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -