Immigrazione clandestina, Rackete invitata al Parlamento Ue

Condividi

 

Il gruppo della Sinistra Unitaria Europea (Gue) ha proposto di invitare all’Europarlamento la comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete. Lo riferiscono fonti all’Eurocamera. La proposta dovrà ora essere esaminata ed eventualmente approvata nella prossima riunione della commissione per le libertà civili (Libe), la stessa dove la comandante della Sea Watch 3 dovrebbe poi essere ascoltata. La proposta, ancora da approvare, è stata fatta nella riunione dei coordinatori della commissione per le libertà civili (Libe).

“Se si dovesse confermare la proposta della commissione” Libertà civili (Libe) dell’Eurocamera “di invitare al Parlamento Ue la capitana della Sea Watch, Carola Rackete, saremmo in presenza di un gesto vergognoso”. Così l’eurodeputato leghista Marco Zanni, capogruppo di Identità e Democrazia. “La nostra eurodeputata che fa parte della commissione Libe, Annalisa Tardino, si è già opposta a questa strumentalizzazione che ha il sapore di una santificazione della Rackete”, tuona Zanni. “Non è normale – conclude l’eurodeputato – e non permetteremo che un’istituzione come il Parlamento Ue inviti a presenziare in contesti ufficiali soggetti che hanno deliberatamente violato le leggi di uno Stato membro”.



“Ho ribadito durante la riunione dei coordinatori la nostra ferma opposizione a questo invito strumentale, sottolineandone con forza l’inopportunità politica”, ha annunciato l’eurodeputata leghista Annalisa Tardino, coordinatrice Libe per il Gruppo Identità e Democrazia, precisando di aver proposto “di invitare altri esponenti del mondo delle ong, da affiancare a un esperto del nostro ministero, così da garantire il necessario contraddittorio, ed evitare che i lavori della Commissione diventino una farsa ad esclusivo uso mediatico”.

Contrario anche l’eurodeputato azzurro Fulvio Martusciello, secondo cui “la decisione della commissione Libe di invitare come speaker in parlamento europeo Carola Rackete è profondamente sbagliata. Abbiamo chiesto che a quella stessa commissione – ha aggiunto – possa partecipare anche un rappresentante della guardia di finanza e del ministero dell’interno italiano per difendere l’onore del nostro paese. Spiace davvero – ha concluso – che alcuni gruppi si prestino a queste iniziative che hanno come unico scopo quello di danneggiare l’immagine dell’Italia”.  ANSA EUROPA



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -