Londra, bambini cristiani chiedono esonero da lezione LGBT. Sospesi!

Condividi

 

www.lafedequotidiana.it

Due bambini di 10 anni sono stati sospesi da scuola per una settimana dopo aver chiesto alla loro insegnante il permesso di essere esentati dal partecipare a una lezione LGBT del “Pride Month”. Uno dei due, una coraggiosissima bambina, ha poi fatto un video su Youtube per spiegare i veri pericoli dell’invasione dell’ideologia LGBT nella sua scuola della Gran Bretagna.



Prima che qualcuno sapesse cosa significava LGBT, tutti sapevano che genere erano”, ha spiegato Kaysey, che, insieme al suo compagno di classe, Farrell, è stata sospesa dalla Heavers Farmer Primary School, che si trova a Croydon, nel sud di Londra. Dopo la lezione “i miei compagni sono confusi”, ha detto la bambina, “e stanno dicendo che sono bisessuali e trans perché sono confusi”.

Kaysey ha spiegato che i bambini “stanno perdendo la fiducia in loro stessi e guardandosi si chiedono: ‘perché sono questa persona? Perché non posso essere qualcun altro?’”.

Susan Papas, la responsabile della Heavers Farmer Primary School di Croydon che ha bandito i bambini dalla scuola per cinque giorni per presunti commenti anti-LGBT, è stata segnalata alle autorità locali per quello che equivale a un atto illecito.

Un gruppo di avvocati cristiani ha raccontato “l’incidente” che ha portato alla sospensione dei due studenti. In pratica, qualche giorno fa Farrell, seduto accanto alla sua amica Kaysey in classe, ha chiesto al suo insegnante di una classe quinta elementare: “per favore, non posso prendere parte a questa lezione”, mentre l’insegnante distribuiva materiale LGBT per colorare. L’insegnante ha rifiutato il permesso dicendo che la lezione LGBT era parte del curriculum.

Dopo la lezione, a detta del formatore, Farrell avrebbe usato un “linguaggio omofobo” per avere detto “la schifezza della LGBT e la stupidità della LGBT”, frasi che il bambino nega.

Farrell, che era seduto con la studentessa Kasey, ha detto di essere un cristiano e ha poi spiegato ad un “insegnante ospite” che non ha “accettato la lezione LGBT” a causa della sua religione. L’insegnante ha chiesto a Farrell da dove venisse. Farrell ha dichiarato di essere un “giamaicano-africano” e ha spiegato che “tutti sono cristiani e cattolici, quindi non accettano le idee LGBT”.

Più tardi, la signora Papas, la responsabile della Heavers Farmer Primary School di Croydon, avrebbe sgridato i due bambini dicendo: “Come osate? Siete una delusione per la scuola”. Poi la Papas ha messo i bambini in stanze diverse. Kaysey, una cristiana pentecostale, ha detto d’essere stata trattenuta a scuola, in quella classe, per cinque ore, dalle 10 alle 15.

La versione della storia di Kaysey e Farrell, che differisce ampiamente da ciò che hanno affermato dalla scuola, è stata confermata dai loro compagni di classe.

“Ecco perché i genitori cominciano a vedere i pericoli dell’imposizione della nuova ideologia sessuale e di genere, perché non consente il dissenso nemmeno a bambini innocenti di dieci anni”, ha detto Andrea Williams, amministratore delegato del Christian Legal Center, che sta aiutando i due studenti e le loro famiglie in questa materia. “Questo incidente evidenzia ancora una volta quanto aggressiva e intollerante possa essere l’agenda LGBT”, ha continuato Williams. “Un’ideologia che deve ricorrere a tattiche così pesanti per costringere i bambini di dieci anni ad accettare qualcosa che istintivamente non fanno, mette in evidenza solo quanto sia schiacciante quella ideologia”. “Vediamo la fragilità di questa intera agenda sessuale imposta ai nostri figli. Una ideologia incapace di resistere alla sfida di bambini innocenti di dieci anni”, ha osservato Williams. “Quando i bulli sanno che il diritto non è dalla loro parte ricorrono alla coercizione e all’intimidazione. Questo è esattamente ciò che viene svolto nella scuola primaria di Heavers Farm”, ha aggiunto Williams.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -