In fuga dai lager libici con il ciuffo a boccolo

Condividi

 

Non c’è niente da aggiungere a questa immagine scattata ai clandestini fatti sbarcare da Conte e spacciati per “profughi in fuga dalle torture nei lager libici” dove, a quanto pare, si mangia anche molto bene osservando il fisico robusto di questi “migranti”.

Non solo costosi smartphone e felpe griffate. Da notare la ricercata pettinatura con il ciuffo a boccolo fonato ed il taglio di capelli all’ultimo grido.

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a Imolaggi – Armando Manocchia risponde ai professionisti della mistificazione

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -