Seviziato da baby gang, “segnalazioni da un anno, nessuno è intervenuto”

Condividi

 


“Abito qui da un anno e da un anno sentivo le urla, le finestre in frantumi, le botte sul portone, le risate sguaiate”. Sara abita pochi metri più avanti rispetto a dove abitava Antonio Cosimo Stano, il 66enne bullizzato dai 14 ragazzini oggi indagati e morto in ospedale dopo 18 giorni di agonia il 23 aprile scorso.

“Ho chiamato la polizia, i carabinieri. ‘Signora, abbiamo già segnalazioni di questo tipo’, mi rispondevano – racconta Sara – E nessuno faceva niente e nessuno salvava Antonio. La morte si poteva evitare, certo. Oggi si parla di legittima difesa, e a ragione devo ammettere: se quel pover’uomo avesse avuto una pistola e avesse sparato, forse giustizia sarebbe stata fatta. Questi ragazzini meritano l’ergastolo”.

Scuote la testa e se la tiene con una mano, come a sorreggere un peso troppo grande. “Sono due giorni che non ci dormo. Io sto male – dice ancora all’Adnkronos – Antonio era una bravissima persona, certo ogni paese ha il suo soggetto più debole, diciamo, ma dallo scherno all’ironia passare alla violenza più inaudita è inaccettabile. Ho provato anche io a intervenire, mi sono affacciata ma quelli scappavano ogni volta. Alla fine avevo paura, io sono solo una ragazza. Quelli invece? Bestie, arancia meccanica, hanno detto. Così è”.  di Silvia Mancinelli ADNKRONOS





   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -