Renzi d’Arabia annuncia querele a tutti, pure alle vecchiette sul lastrico

Condividi

 

Giacomo Amadori per ”La Verità

Matteo d’ Arabia. Da giorni a Firenze, negli ambienti che furono renziani, si fa un gran parlare dei suoi viaggi in Medio Oriente. Per qualcuno in versione uomo sandwich starebbe cercando fondi per un nuovo partito, per altri si diletterebbe nel suo nuovo lavoro di lobbista. Di certo ha bisogno di accrescere le proprie entrate, visto che nel 2017, dopo essersi preso un anno sabbatico, ha dichiarato la «miseria» di 28.345 euro, e nel 2018 ha acceso un mutuo da 1 milione di euro per acquistare una villa sulle colline di Firenze. Per fare cassa ha deciso di chiedere risarcimenti anche ai clienti rovinati dal decreto Salva banche, compresa una povera pensionata di Ferrara, Giovanna Mazzoni, colpevole, in preda all’ esasperazione, di aver dato dei ladri ai governanti Pd.



Ma a queste cause per danni, Renzi affianca anche altre attività, come il venditore di libri, lo speaker ai convegni e quella più riservata di lobbista. Che deve fruttargli davvero bene.

Il 23 e il 24 marzo è volato a Dubai in veste di relatore a un forum globale sull’ educazione organizzato dalla Varkey, una fondazione di beneficenza che punta al miglioramento degli standard educativi per i bambini svantaggiati. A trovargli l’ ingaggio è stata Marina Leo, la sua promoter, che ha messo in vendita l’ ex premier come conferenziere sul sito Celebrity speakers: 20.000 euro a intervento. La Leo dovrebbe aver procacciato anche un’ altra conferenza a pagamento tenutasi il mese scorso a Yibin, nella provincia del Sichuan, cuore della Cina profonda.

Ma torniamo a Dubai. Su Instagram Renzi ha dato in pasto ai suoi sorcini due istantanee: la prima lo ritraeva a un tavolo con l’ ex ministro dell’ istruzione Stefania Giannini, anche lei presente al forum, e la seconda, un selfie, lo raffigurava a fine allenamento (con la maglietta del Chelsea) nella palestra dell’ albergo in compagnia dell’ ex presidente della Colombia Juan Manuel Santos. I commenti alle due foto sono stati vari, ma più di uno ha chiesto al senatore chi gli abbia pagato la lussuosa gita nel deserto.

Ovviamente la risposta non è arrivata.

L’ ex premier è partito il 22 marzo (è stato avvistato a Fiumicino mentre si imbarcava su un volo Emirates, con posto in business class) e, secondo le nostre fonti, è tornato il 28. Dal 22 al 24 marzo Renzi ha reso pubblica la sua agenda, mentre sugli spostamenti dal 25 al 28 ha preferito sorvolare. Di quei quattro giorni non ha postato foto sui social network. Una fonte ci ha riferito che l’ ex segretario Pd si sarebbe concesso una deviazione in Qatar per sbrigare qualche faccenda. Che sia vero o meno, a Doha Renzi ama tornare. Per esempio c’ è stato a fine 2018 e precisamente il 29 e 30 dicembre. Il motivo della missione resta un mistero.

La Verità esattamente un anno fa aveva raccontato di un altro viaggio nell’ emirato di Renzi con l’imprenditore Marco Carrai al seguito, l’ uomo che per un triennio affittò un attico per l’ ex sindaco di Firenze. Carrai, però, ci ha assicurato di non aver seguito l’ ex premier nell’ ultima spedizione.

A metà aprile dell’ anno scorso Renzi aveva trascorso 24 ore a Doha su invito dell’ emiro, Tamim Bin Hamad Al Thani, per partecipare all’ inaugurazione della biblioteca nazionale, insieme a un «gruppo ristretto di ex uomini di governo accomunati dalla passione per l’ islam sunnita di Doha», tra cui il presunto amante dei petrodollari Nicolas Sarkozy.

Durante quella due giorni Renzi visitò gli uffici della Qatar Airways, che ha acquistato la compagnia italiana Meridiana e si intrattenne per più di un’ ora con i vertici della Qatar foundation, la stessa con cui aveva firmato un accordo da 1 miliardo di euro per il rilancio dell’ ospedale sardo Mater Olbia.

L’ ex segretario Pd era volato in Qatar anche subito dopo le sue dimissioni da capo del governo: era il 19 gennaio del 2017 e anche in questo caso si trattò di una visita lampo. Ricordiamo che l’ emiro del piccolo Stato arabo controlla un fondo d’ investimento che in Europa possiede quote rilevanti di colossi bancari, ma anche decine di immobili e hotel. Tra questi il Four Seasons di Firenze, comprato proprio dalla famiglia Al Thani, che Matteo usa come ufficio per gli incontri importanti.

Dopo il rientro di Renzi dalla penisola arabica, lo scorso 11 aprile, La Repubblica ha dato la notizia di contatti tra un fondo del Qatar e l’ ex ministro dello Sport Luca Lotti per trovare finanziatori per la Fiorentina. Una coincidenza che non è passata inosservata tra gli esperti di Giglio magico.

Ma le puntate in Medio Oriente di Renzi non sarebbero finite e il nostro sarebbe atteso a Gedda in Arabia Saudita, città sul Mar Rosso non distante dalla Mecca. Che la trasferta sia confermata o meno, l’ ex premier negli ultimi due mesi non è stato solo nei Paesi arabi. Il 4 aprile scorso, a quanto ci risulta, era a Zurigo, la capitale della finanza internazionale, anche se dalla Svizzera non ha regalato foto o post ai suoi fan.

Il 5 aprile l’ ex segretario del Pd ha ripreso a pubblicare immagini e video delle presentazioni del suo libro (Un’ altra strada. Idee per l’ Italia di domani) in Lombardia e Veneto, da Lecco a Pavia, da Treviso a Padova.

L’ attività promozionale era stata molto intensa anche a marzo. Per vendere il suo volume Renzi ha girato l’ Italia come una pallina da flipper, dalla Lombardia alla Puglia, passando per Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche e Abruzzo l’ 1, 2, 6, 9, 10 e 11 marzo.

L’ ex sindaco di Firenze tra il 13 e il 14 marzo ha promosso la sua ultima fatica letteraria anche a Londra, dove risiede il finanziere David Serra, quello che dà lezioni di etica agli altri e ha ingaggiato Renzi nell’ Algebris policy & research forum, un think tank nato per incoraggiare «un’ economia più equilibrata e forte in Europa».

La kermesse londinese è stata organizzata dal comitato cittadino del Pd (esiste pure quello) e dall’ Italian society dell’ University college.

Subito dopo è volato a fare l’ imbonitore in Campania. A fine mese, dopo il viaggio a Dubai, ha fatto tappa nelle province di Brescia, Grosseto, La Spezia, Parma e Mantova.

Un’ agenda fitta di impegni a cui bisogna aggiungere le varie interviste in tv (compresa quella in cui ha litigato con Marine Le Pen) e sui giornali. Il 23 marzo, quando era già atterrato a Dubai, ha persino firmato un articolo sul Financial Times con argomento la Brexit.

Accertato il gran girovagare di Renzi per l’ Europa con la sua bancarella di libri, ci chiediamo dove trovi il tempo per il lavoro di parlamentare. Ma evidentemente le spese della sua famiglia sono tante e per mantenersi non bastano il ricco stipendio da senatore e le cause per danni agli sbancati.



   

 

 



Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -