Elezioni UE: torna il Pci con il simbolo storico. In chiave sovranista e anti-europea

Condividi

 

“Dopo oltre 25 anni, la prossima campagna elettorale sarà segnata dal ritorno del Partito Comunista Italiano”, si legge in una nota del “rinato Pci”, i cui “organismi dirigenti hanno recentemente scelto di avviare la raccolta delle firme per presentare il simbolo storico dei comunisti italiani alle prossime elezioni europee”.

“Il dialogo avviato con altre forze a sinistra – si legge nel comunicato – non ha prodotto una sintesi politica e quindi il Pci ha deciso di presentare autonomamente il proprio simbolo su contenuti, in particolare, centrati sull’opposizione al governo, contro le inefficaci misure economiche, di rottura con l’Unione europea e per l’uscita dall’euro dell’Italia”. Quello che il nuovo Pci propone è in sostanza “Più Stato e meno mercato”: nazionalizzazioni in settori economici strategici, lavoro stabile, aumento dei salari e riduzione dell’età pensionabile per tutti, di ingenti investimenti pubblici per infrastrutture e territori.



Per attuare queste politiche, “i comunisti ritengono necessario rompere con tutti i vincoli della Ue, euro compreso. A sinistra, quindi, oltre al ritorno sulla scena politica di un simbolo storico si affaccia una posizione chiaramente contro l’euro e per il recupero della sovranità nazionale e popolare”.

http://europa.today.it



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -