Usa: – 40° nel Midwest, Trump ironizza sul riscaldamento globale

Condividi

 

Il Midwest e la regione dei Grandi Laghi negli Stati Uniti sono stretti nella morsa del gelo polare che ha causato la chiusura delle scuole e di molte attività. Le temperature potranno scendere fino a -40 gradi centigradi, secondo le previsioni del Servizio meteo nazionale per da oggi fino a giovedì. Anche in questa occasione il presidente Usa Donald Trump ha twittato nella notte sulle previsioni “record” ironizzando: “Non si può stare all’aperto neanche per un minuto. Cosa sta accadendo al Riscaldamento globale? Per favore torna preso, abbiamo bisogno di te!.

La tempesta di neve che ha investito la zona ha costretto il Minnesota e il Wisconsin a chiudere gli uffici governativi e le scuole. “Temperature pericolosamente fredde e potenzialmente da record e venti gelidi sono attesi per martedì e mercoledì”, secondo il Servizio meteo. “L’aria artica, insieme ai bruschi venti, potranno portare a valori di vento pericolosamente freddi”. Secondo il servizio meteo a Chicago sono previste “temperature estreme di freddo, rischiose per la vita”, che possono causare “congelamento e ipotermia”, scrive il Washington Post. Si tratta delle temperature più fredde degli ultimi 25 anni causate dal vortice polare.



In Wisconsin, dove sono caduti fino a 30 centimetri di neve, il governatore Tony Evers ha dichiarato lo stato di emergenza. Nel Nord e Sud Dakota, sono state registrate raffiche di vento fino a 113 chilometri orari. Oltre 1.000 voli sono stati cancellati nei due principali aeroporti di Chicago. ASKANEWS

(ANSA) – NEW YORK, 14 GEN – Sono almeno nove le persone morte a causa della tempesta di neve che ha colpito il Midwest degli Stati Uniti nel fine settimana. La bufera è iniziata venerdì mandando in tilt il traffico sulle autostrade con un mix micidiale di nevischio e grandine, lasciando migliaia di utenti senza corrente elettrica, e provocando la cancellazione di decine di voli aerei. E’ stato il Missouri a sopportare i danni maggiori: secondo la State Highway Patrol sono stati registrati oltre 800 incidenti legati alla neve che hanno provocato 57 feriti e quattro morti. La tempesta si è poi spostata verso est, imbiancando alcune parti del Maryland, Virginia e la capitale Washington.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -