Muore di overdose in carcere, giudice: risarcire i familiari con 675mila euro

Condividi

 

FIRENZE, 13 GEN – Il tribunale di Firenze ha condannato l‘amministrazione penitenziaria a risarcire con 675mila euro i familiari di una detenuta morta nel 2014 per overdose nel carcere fiorentino di Sollicciano, quindi mentre era sotto custodia dello Stato. Ne dà notizia oggi la cronaca fiorentina de La Repubblica.

Pur riconoscendo “il comportamento colposo della vittima per aver volontariamente assunto la sostanza stupefacente – scrive nella sentenza il giudice Massimo Donnarumma – può ritenersi accertato come vi sia stata una condotta di tipo omissivo” di Sollicciano per non aver controllato lo spaccio nel penitenziario.



Per il giudice, era nota all’amministrazione dell’istituto “la capillare e diffusa circolazione di sostanze stupefacenti all’interno del carcere”. E a seguito di “plurime segnalazioni” e “segnali d’allarme” i vertici dell’istituto avevano adottato provvedimenti che per il tribunale sono stati però “del tutto inadeguati” e interventi risolutivi sono stati messi in atto solo dopo la morte della donna. ANSA



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -