Migranti, Danimarca ai somali: “La guerra è finita, tornate a casa a ricostruire il Paese”

Condividi

 

Dall’inzio del 2017, circa 1.000 somali hanno perso i permessi di soggiorno danesi dal momento che il servizio di immigrazione ha deciso di riesaminarli. Secondo il Servizio di Immigrazione Danese, la decisione è dovute al fatto che alcune parti della Somalia sono ora abbastanza sicure da consentire ai rifugiati e alle loro famiglie di tornare a casa. “E per questo è del tutto appropriato che i somali perdano la loro residenza in Danimarca”, afferma il ministro degli affari esteri e dell’integrazione Inger Støjberg .

“Se non hai più bisogno della nostra protezione e la vita e la salute di una persona non sono più in pericolo nel paese d’origine, e in particolare in Somalia, allora naturalmente devi tornare a casa e ricostruire il paese da cui sei venuto”, dice il ministro .”Diversi anni fa era ovvio chiedere asilo quando fuggivi dalla Somalia in guerra”.



Nell’autunno del 2016, il servizio di immigrazione danese ha annunciato di aver rivisto circa 1.200 permessi di soggiorno rilasciati ai somali a causa delle migliorate “condizioni generali” in alcune parti della Somalia. Qui, si è ritenuto che “le condizioni generali ora sono cambiate così tanto, che non c’è più motivo per chiedere asilo”, secondo la commissione.

Finora, l’Appeals Board, il Refugee Board, che ha ricevuto lamentele in quasi tutti i casi esaminati, ha spesso concordato con le decisioni del Servizio immigrazione. Dei casi trattati finora, il Consiglio ha confermato la decisione nel 42% dei casi. In altri 40%, ha rinviato i casi al Servizio di Immigrazione Danese, molto spesso perché sono emerse nuove informazioni.

Se l’ex rifugiato decide di partire, vi è inoltre accesso al sostegno di rimpatrio di quasi 140.000 DKK per ogni adulto e 42.000 DKK per ogni bambino.

Il Consiglio per i rifugiati danesi, presente in Somalia da anni, dice che la scarsa sicurezza grava pesantemente sui residenti somali. Egli ritiene che la revisione dei numerosi permessi di soggiorno sia prematura perché, anche se la situazione in alcune parti del paese è migliorata, non è ancora il momento di tornare a casa.

Il ministro degli esteri e dell’integrazione Inger Støjberg (V) sostiene, tuttavia, che la valutazione del servizio di immigrazione danese sia giusta. “Penso che la sicurezza in Somalia sia abbastanza buona e non capisco perché i somali debbano rimanere in Danimarca.”



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -