Grecia: aumentano gli attacchi contro chiese, sinagoghe e cimiteri

Il giornale greco Eleftheros Typos riporta che ogni anno ci sono sempre più attacchi a chiese, cappelle, luoghi di culto religioso, monumenti religiosi, sinagoghe e persino cimiteri.

In particolare, secondo il Segretariato greco delle religioni, lo scorso anno gli attacchi agli edifici religiosi (inclusi atti di vandalismo, furti, furti, sacrifici, ecc.) sono aumentati del 159%, mentre l’obiettivo primario sembra essere la Chiesa ortodossa.

I numeri parlano da soli. Nel 2017 è stato registrato un totale di 556 incidenti contro luoghi di culto religioso, 536 di quegli attacchi sono avvenuti in luoghi cristiani. In particolare, secondo il rapporto pertinente del Segretariato generale delle religioni, 525 casi contro la Chiesa ortodossa (94 per cento degli incidenti totali), molti dei quali dimostrano intolleranza religiosa causando un’intensa riflessione all’interno della Chiesa greca.

“Le prove dimostrano che l’obiettivo principale degli attacchi nella nostra patria è la Chiesa ortodossa. Questo fatto non può essere trascurato. Dobbiamo chiedere allo Stato e alla Chiesa di cooperare affinché venga eliminata la profanazione della nostra storia e identità “, afferma il Segretario generale delle religioni, Giorgos Kalantzis.

La Grecia ha vissuto un’ondata senza precedenti di migranti dal Medio Oriente, di cui diversi membri dell’ISIS e completamente intolleranti contro persone o simboli di altre credenze. Allo stesso tempo, il governo di sinistra sembra incapace di affrontare efficacemente la criminalità anarchica in Grecia, che è responsabile della maggior parte degli attacchi alle chiese ortodosse.

voiceofeurope.com

Condividi