Global compact: l’Onu ha nascosto intenzionalmente alcune informazioni?

L’ex avvocato André Sirois, che ha lavorato per 40 anni alle Nazioni Unite, ha detto a Sputnik che non è stato possibile dare un’occhiata al testo dell’accordo firmato a Marrakech. Secondo lui, le informazioni sono state deliberatamente nascoste per non compromettere la firma dell’accordo.

André Sirois diffida delle conseguenze che l’accordo potrebbe avere per gli Stati firmatari. Il signor Sirois ha lavorato per le Nazioni Unite per 40 anni ed ha preso parte all’istituzione del Tribunale penale internazionale per il Ruanda (ICTR). L’avvocato, in primo luogo, critica la mancanza di trasparenza delle Nazioni Unite in questo caso, in quanto l’accordo era rimasto un mistero fino alla sua adozione. Inoltre, il sig. Sirois ritiene che l’ONU avesse interesse a non fornire troppe informazioni in modo che il progetto non venisse respinto lungo il percorso.
L’esperto ritiene che questo non sia un incidente e che alcune informazioni siano state intenzionalmente tralasciate.

“Per 40 anni ho lavorato con i documenti delle Nazioni Unite, utilizzando la biblioteca delle Nazioni Unite e i servizi IT, e non ho potuto accedere al documento. Alcuni ricercatori della biblioteca delle Nazioni Unite e alcuni giornalisti mi hanno detto che anche loro stessi avevano difficoltà a trovare il testo dell’accordo “, ha detto.

Secondo l’avvocato, questo è stato fatto intenzionalmente per evitare qualsiasi domanda.
Sirois ritiene inoltre che il patto limiterà la sovranità di alcuni stati, impedendo loro di mantenere le proprie politiche di immigrazione. In particolare, questo sarà il caso del Canada, uno stato riconosciuto per la sua grande “ingenuità” nei forum internazionali. L’esperto ritiene che il Canada sarà uno dei primi paesi a soffrire del nuovo accordo. Non solo il Canada sta già ricevendo molti migranti, ma da tempo aspira a incarnare i progressi sulla scena internazionale.

“L’ingenuità dei canadesi presso le Nazioni Unite è generalmente riconosciuta: tutti, alle Nazioni Unite, sanno che i canadesi sono sempre i primi a sostenere tali buoni affari ea pagare il prezzo in seguito”, ha detto Sirois, il quale ritiene che alcuni stati non rispetteranno mai l’accordo; e, tra loro, ci sono stati con una popolazione che supera la popolazione della capitale del Quebec.

Il patto è stato firmato da paesi che non accettano migranti e coloro che non vogliono più accettarli, ad esempio, come mai gli Emirati Arabi Uniti non accettano più migranti, anche musulmani, ma li manda invece a noi? Quelli che non vogliono avere migranti ci dettano le regole, c’è qualcosa di oltraggioso in tutto questo “, ha detto l’ex avvocato delle Nazioni Unite.

Secondo il signor Sirois, i paesi che saranno costretti a rispettare il patto sono quelli che già accettano immigrati.

 

Condividi