Mali, decine di tuareg uccisi da miliziani dello ‘Stato islamico nel Grande Sahara’

L’area compresa fra la città di Tinabaw (20 km Menaka) e il Tabangout-Tissalatatene (quasi 50 km Menaka) è stato teatro di un’incursione mortale di uomini armati. Alcune decine di civili tuareg sono rimasti uccisi tra martedì e ieri nel Nord-Est del Mali, in un attacco vicino alla frontiera con la Nigeria: lo hanno riferito alcuni esponenti dei gruppi armati e amministratori locali.

“Tra la notte di martedì 11 e la mattina di mercoledì 12 dei banditi armati a bordo di alcune moto hanno fatto irruzione in numerosi locali a Sud della regione di Ménaka ed hanno ucciso dei civili della comunità Idaksahak”, ha affermato in un comunicato il Movimento per la salute dell’Azawad, facendo stato di “47 morti”. Tra le vittime, ci sono due bambini sotto gli otto (8) anni. Dopo il saccheggio, gli assalitori hanno appiccato un incendio e sono tornati al confine nigeriano.

Alcuni amministratori locali hanno confermato l’attacco, evocando decine di vittime. ‘Azawad Salvation Movement fa appello alla MINUSMA (ONU) attraverso la sua unità per i diritti umani perché faccia luce su questo massacro.

Questo atto ha avuto luogo dopo quello del il 17 novembre, quando individui non identificati armati hanno fatto irruzione in un campo abitato da cittadini della stessa comunità, 25 km a ovest di Menaka.

Per ora, l’identità degli aggressori è ancora sconosciuta, anche se è noto che i civili di diverse comunità sono diventati l’obiettivo principale dei miliziani dello Stato islamico nel Grande Sahara, che imperversa nella zonada tempo. Oltre a quella Idaksahak, le altre comunità prese di mira sono Imgad, Idarfane, Iboghalitane, ecc. Questi aggressori stanno attaccando civili dopo che i combattenti della Coalizione MSA / GATIA con il supporto di FAMA e soldati dell’operazione francese Barkhane hanno distrutto quasi tutte le basi  a Menaka e nelle aree circostanti.

Condividi