Firenze, armato di bastone semina il panico: ghanese arrestato

Un ghanese di 26 anni, irregolare e già noto alle forze dell’ordine, ha aggredito un dipendente di un’agenzia di viaggi e un uomo in bicicletta per poi sfogare la sua rabbia su un taxi fermo in sosta, tutto questo prima di essere fermato dai Carabinieri. Il tutto è avvenuto, come riportato da un quotidiano locale, a Firenze in via il Prato nella giornata di ieri.

Secondo la ricostruzione dei militari, il ghanese dopo aver ricevuto una modesta elemosina, sarebbe entrato in un’agenzia di viaggi brandendo un bastone, intenzionato a colpire un dipendente. Il 26enne, urlando frasi incomprensibili, si sarebbe quindi scaraventato contro uno dei lavoratori, mancandolo per un soffio e colpendo i monitor dei computer su di una scrivania.

Uscito per strada, il ghanese si è lanciato su di un passante in bicicletta, colpendolo alle spalle, per poi scaricare la sua furia danneggiando un taxi in sosta, al quale ha rotto lo specchietto retrovisore.

I Carabinieri, giunti sul posto dalle numerose segnalazioni ricevute dai residenti, hanno fermato il ghanese mentre cercava di disfarsi del bastone. Per lui è scattata una denuncia in stato di libertà per danneggiamento aggravato continuato e per le lesioni personali causate alle persone, le quali, tuttavia, hanno rifiutato di ricorrere alle cure mediche.


I migranti oggi sono l’elemento umano, l’avanguardia di questa globalizzazione e ci offrono uno stile di vita che presto sarà molto diffuso per tutti noi” (Boldrini)

Condividi