Cesare Battisti: non sono fuggito, Bolsonaro non puo’ estradarmi

Condividi

 

“Vado a San Paolo una volta al mese, cinque giorni al mese per ragioni mediche; questa volta anche per trattare la pubblicazione del mio libro. Sto tornando a casa come sempre, quindi non c’è niente di allarmante, non sto facendo niente oltre la routine”. Così Cesare Battisti in un’intervista esclusiva al Giornale Radio Rai nega qualsiasi tentativo di fuga. “Nessuna fuga assolutamente, in Italia possono dire quello che vogliono. Io sto andando a casa ed è tutto tranquillo”.

Alla domanda se con l’elezione del neo presidente di estrema destra Jair Bolsonaro, che ha promesso la sua estradizione, le cose si facciano più complicate Battisti ha risposto: “lui può dire quello che vuole, io sono protetto dalla Corte Suprema. Le sue sono solo parole. Sono fanfaronate. Lui non può fare niente, c’è una giustizia, io per la giustizia sono protetto, è un processo giudiziario, lui non ha nulla a che vedere con questo”.



Non è preoccupato? “Assolutamente. Bolsonaro non penso abbia interesse a creare discordia tra tra il potere giudiziario e l’esecutivo. Si parla, ognuno può dire quello che vuole. Io non ho nessun problema”. Come si spiega che la prima cosa che ha detto Bolsonaro al governo italiano riguardava proprio Lei? “Non lo so, io non sono nella testa di Bolsonaro”. ASKANEWS



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -