Genova, sindaco nega patrocinio al gay pride: ira della Cgil

Condividi

 

Genova . “La decisione del sindaco di Genova di non garantire il patrocinio (gratuito) del Comune al gay pride che si svolgerà a giugno è un grave passo indietro in tema di diritti e di civiltà”. Lo afferma la segreteria Camera del Lavoro Metropolitana di Genova.

“Al contrario di quanto si afferma, questa si raffigura come una scelta divisiva e portatrice di gravi segnali di intolleranza – dice la Camera -. Il gay pride genovese ha sempre registrato manifestazioni pacifiche ed allegre che hanno avuto il merito di mescolare sessualità, nazionalità, religioni e culture diverse proponendo pari diritti e pari dignità per tutti. La Cgil genovese sarà, come sempre, convintamente presente alla manifestazione. Invitiamo il sindaco ad approfondire meglio le tematiche e le motivazioni della manifestazione. Sicuramente potrà meglio valorizzare lo spirito della stessa e riconsiderare una posizione che eviti una pessima figura ad una città da sempre all’avanguardia nella tolleranza e nella rivendicazione dei diritti”. (ANSA)

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Genova, sindaco nega patrocinio al gay pride: ira della Cgil”

  1. Così come si sono estinti i dinosauri,si estinguerà anche la Cgil!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -