Migranti, Minniti: “immigrazione legale per chi viene da noi per lavorare”

Per il ministro dell’Interno, Marco Minniti, “stroncare i trafficanti è condizione essenziale per aprire le porte alla legalità nella immigrazione”. Minniti lo ha detto a Bari precisando che occorre “gestire corridoi umanitari per coloro che scappano dalle guerre” e dare forma a una “immigrazione legale per coloro che vengono da noi per lavorare“. “Una democrazia – ha concluso – deve rifiutare chi insegue processi governati da criminali e trafficanti”.

Gentiloni – “L’Italia chiede fortemente che sia le organizzazioni legate all’Onu, Unhcr e Oim, sia le ong in generale, approfittino dell’apertura che le autorità libiche finalmente iniziano a dare. Fino a un anno fa non volevano” la presenza nei campi profughi, “c’era l’impossibilità di lavorare sui rimpatri volontari e su potenziali corridoi umanitari dalla Libia. Ora si può fare, rispettando la sovranità delle autorità libiche. Gradualmente stanno aprendo”, bisogna “molto accelerare e rafforzare l’intervento”. Lo dice Paolo Gentiloni. ansa

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Migranti, Minniti: “immigrazione legale per chi viene da noi per lavorare””

  1. Per chi viene per lavorare? Il 90% viene per essere mantenuto nel paese del bengodi, il rimanente 10% a fare che? Se non siamo in grado di creare lavoro per gli italiani, a parte quelli inseriti nel business dei migranti con i soldi che lo stato ruba nelle nostre tasche…

  2. Sig. Ministro, come possono venire a lavorare se non c’è lavoro? Abbiamo milioni di disoccupati, se il lavoro ci fosse questi non sarebbero disoccupati, conviene? L’unica cosa da fare, è tappezzare le città d’Africa dicendo loro che non essendoci lavoro è inutile che si muovono, al contrario vuole dire illuderli oltre che rischiare la vita per il niente che trovano una volta sbarcati. Probabilmente se Lei cosi ragiona, è dovuto al fatto che nel PD c’è meno onestà di quanta ve ne sia negli altri partiti.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -