Contrabbando, 650 tonnellate di tessuti sequestrate a società cinese

PRATO (FIRENZE), 27 OTT – La guardia di finanza di Prato, nel corso di un’inchiesta coordinata dalla procura pratese, ha eseguito il sequestro di 4,5 milioni di metri lineari di tessuto, corrispondenti ad oltre 650 tonnellate di peso, importati in Italia in contrabbando per un valore stimato in circa un mln di euro. Il tessuto era in un capannone industriale nella zona del Macrolotto 1, la zona industriale di Prato in cui sono concentrate molte aziende del settore della confezione e del pronto moda gestite in prevalenza da cittadini orientali.

Il capannone è riconducibile ad una società di capitale amministrata da un cittadino cinese, residente in Prato. La società aveva illegalmente importato i tessuti dalla Cina e, in minima parte, dalla Turchia facendo figurare falsamente gli acquisti di tessuto come provenienti da una società operante in ambito comunitario e sfruttando, quindi, le agevolazioni previste per gli scambi tra operatori Ue. Il tessuto era privo di certificazioni di qualità e di assenza di tossicità. (ANSA)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -