Yara, Bossetti: “Quel Dna non mi appartiene. Non sono io l’assassino”

Brescia , 17 lug. (askanews) – “Quel Dna non mi appartiene. Non sono io l’assassino”. Così Massimo Bossetti ha ribadito la propria innocenza davanti alla Corte d’Assise d’Appello di Brescia che oggi deciderà se confemare o meno la condanna all’ergastolo che gli venne inflitta nel primo grado di giudizio.

Bossetti, che ha preso la parola in aula per una serie di dichiarazioni spontanee, si è definito vittima del “più grande errore giudiziario di questo secolo”, supplicando la Corte di concedergli la super perizia sul Dna. “Se fossi io l’assassino – sono state le sue parole – sarei un pazzo a chiedervi la perizia”. Invece “io non ho mai fatto male a nessuno, non ho mai alzato un dito nè su mia moglie nè sui miei figli. Anche in carcere sono benvoluto da tutti. La violenza non fa per me, non è la mia indole. Non posso marcire in carcere per un delitto atroce che non ho mai commesso”. askanews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -