Spagna: Santander compra Banco Popular a 1 euro

Non solo in Italia ci sono banche che vivono momenti difficili: il Banco Popular Español verrà sottoposto a risoluzione, salvato (si fa per dire) dal Santander, la banca spagnola dell’Opus Dei che alcuni anni fa ha venduto al Monte Paschi la Banca Antonveneta per 9 (nove) miliardi di euro.

La Commissione Europea ha approvato, ai sensi delle regole Ue sulla risoluzione delle banche, lo schema per la risoluzione dell’istituto iberico, sulla base di una proposta del Single resolution board. La risoluzione del Banco Popular verrà attuata vendendo per un euro l’istituto al Banco Santander.

Dopo la decisione sulla risoluzione, la banca può continuare le proprie attività correnti: non sono stati erogati aiuti di Stato, né aiuti dal Single Resolution Fund. La vendita è soggetta alla normale revisione regolatoria. La Commissione ha appoggiato lo schema di risoluzione – efficace da oggi – perché c’erano tutte le condizioni: la banca stava fallendo, non c’erano soluzioni private al di fuori della risoluzione e non c’erano azioni di vigilanza che avrebbero impedito un fallimento. Per il salvataggio di Banco Popular, Banco Santander dovrà lanciare un aumento di capitale da circa 7 miliardi di euro, con diritti d’opzione da assegnare agli attuali azionisti.

Con il rispetto delle direttive europee, in sostanza, tutte le azioni esistenti del Banco Popular alla chiusura delle Borsa ieri e tutte le azioni risultanti dalla conversione di bond Additional Tier 1 emessi dal Banco sono stati totalmente azzerati; gli strumenti di capitale Tier 2 sono stati convertiti in nuove azioni del Banco, tutte comprate da Santander a un euro. “La fusione tra i due istituti creerà la più grande banca in Spagna considerando prestiti e depositi, con circa 17 milioni di clienti”, spiega Santander, che si attende un ritorno del 13-14% sull’investimento a partire dal 2020. (con fonte adnkronos)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -