Arcivescovo della Nigeria: 80% delle ragazze nigeriane in Italia si prostituisce

 

prostituzione

Roma – “L’80% delle ragazze nigeriane che arrivano in Italia e’ vittima di traffico sessuale”. Lo ha affermato Ignatius Ayau Kaigama, Arcivescovo di Jos e Presidente della Conferenza Episcopale della Nigeria, nel suo discorso alla Conferenza internazionale contro il traffico di esseri umani in Africa che si conclude oggi, 7 settembre, ad Abuja. La conferenza e’ organizzata dalla Caritas in collaborazione con COATNET (Christian Organisations Against Trafficking in Persons Network).

“Ogni anno nella sola Africa – ha ricordato Mons. Kaigama – centinaia di migliaia di persone sono vittime della tratta degli esseri umani. Il 79% del numero totale delle vittime sono sfruttate sessualmente, la maggior parte sono donne; il restante 21% sono costrette al lavoro forzato, per la maggior parte sono maschi”.
“Il fatto piu’ sconvolgente e’ che in alcune parti dell’Africa Occidentale la maggior parte delle vittime della tratta sono addirittura bambini al di sotto dei 18 anni. Questa conferenza deve trovare i modi per porre fine al lavoro minorile in tutte le sue forme” ha rincarato l’Arcivescovo.

Il Presidente della Conferenza Episcopale della Nigeria – scrive Fides – ha altresi’ lanciato un appello al governo nigeriano “perche’ consideri il problema del traffico delle persone come una disgrazia nazionale e prenda misure urgenti e durevoli per affrontare le cause alla radice. Questo specialmente alla luce del fatto che recenti rapporti affermano che l’80% delle ragazze nigeriane che arrivano in Italia, lo fanno per motivi di traffico sessuale”.

Mons. Kaigama ha ricordato che la Nigeria ha stabilito un’apposita agenzia per lottare contro la tratta (National Agency for Prohibition of Traffic in Persons and other Related Matters,NAPTIP) e che il defunto Presidente Umaru Musa Yar’Adua aveva avviato una politica per assistere le vittime dello sfruttamento sessuale e del traffico di esseri umani. “Questi sforzi, insieme a quelli di altre agenzie pubbliche e private, sono indicativi della serieta’ del governo. Ma alla luce della situazione attuale, il governo deve dimostrare che la NAPTIP non e’ una di quelle agenzie che fanno numero” ha affermato l’Arcivescovo, che ha concluso chiedendo al governo di destinare risorse maggiori per affrontare il problema. (AGI)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -