“Non voglio cucinare” clandestini rifiutano appartamento e chiedono l’hotel

 

“Niente appartamento, vogliamo un albergo”, e due profughi vengono esclusi dal programma di accoglienza migranti.

casa-profughi

Lo riporta piacenza24.eu

Ascolta l’intervista al sindaco di Caorso Roberta Battaglia

Parliamo degli stranieri alloggiati a Caorso. I proprietari dell’immobile hanno accettato ospitare otto migranti, quattro coppie di coniugi: due originarie della Nigeria e una della Costa d’Avorio. Una volta arrivati negli alloggi, gli ivoriani (quindi clandestini, non profughi) hanno protestato rifiutandosi di stabilirsi negli appartamenti.

Lo spiega il sindaco Battaglia: “Hanno detto che l’appartamento non era di loro gusto e hanno chiesto di essere assegnati a un hotel. In particolare la donna si è lamentata dicendo di non avere intenzione di pulire, cucinare e svolgere i lavori di casa. Si sono seduti in strada e hanno sollevato le ire anche degli addetti della Prefettura. Per questo motivo sono stati esclusi dal progetto di accoglienza e riportati a Piacenza, ora la loro posizione è al vaglio”.



   

 

 

2 Commenti per ““Non voglio cucinare” clandestini rifiutano appartamento e chiedono l’hotel”

  1. Basta buonismo, pacifintismo e pacitontismo… sono clandestini vanno espulsi PUNTO! Se la BOLDRINI non è d’accordo se li prenda a casa sua visto che lei si è sempre “occupata” di diritti umani anche se mi piacerebbe sapere COME vista la prova che sta dando di se in ogni occasione.

  2. Ma quale vaglio e vaglio questi debbono essere ESPULSI IMMEDIATAMENTE! ora voglio proprio vedere SE LA GIUSTIZIA IN ITALIA FUNZIONA! altrimenti è una pagliacciata!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -