Armando Manocchia: riammettiamo gli atleti russi alle paralimpiadi di Rio

Il 7 agosto, il Cpi (Comitato paralimpico internazionale) ha annunciato la sospensione della Russia per escluderla de facto dai prossimi Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro, compiendo il passo che il Cio si è rifiutato di fare per Rio 2016.

La decisione del Cpi è stata una sorpresa per molti, in quanto il Comitato Internazionale Olimpico (CIO), qualche settimana fa, aveva deciso di non ricorrere all’esclusione generalizzata di tutti gli atleti russi dalle gare, in quanto una simile misura avrebbe pregiudicato i diritti degli atleti non coinvolti . Evgeniy Bukharov, membro del comitato paralimpico russo, si é detto assai stupito di questa decisione, dal momento che, per l’appunto, il CIO ha mostrato tutt’altro approccio, favorendo i diritti individuali degli atleti piuttosto che la punizione generalizzata di un’intera nazione. E forse era proprio questa l’intenzione, umiliare la Russia in toto.

Alle Paralimpiadi la Russia aveva conquistato la qualificazione con il maggior numero di posti disponibili e avrebbe dovuto portare 267 atleti in 18 discipline.

Ora la Russia spera che il Tribunale arbitrale dello sport (Tas) la riammetta, come ha dichiarato il presidente del Comitato paralimpico russo, Vladimir Lukin, che però ha precisato: “il buon senso non sempre trionfa”. E i suoi dubbi sono piu’ che giustificati dal momento che ormai prevalgono gli interessi delle multinazionali e della politica persino nello sport, a discapito del vero agonismo.

Le organizzazioni sportive che vanno dalla FIFA (calcio) allo IAAF (atletica) al CIO (Comitato internazionale olimpico) non sono controllate da nessuno e la loro gestione è a essere gentili molto opaca. Grazie ai diritti televisivi e alle sponsorizzazioni gestiscono però un enorme ammontare di soldi. E uno più uno fa due: soldi più mancanza di controlli seri portano diritti diritti alla corruzione e alle malversazioni. Dunque la credibilità di queste organizzazioni è molto bassa.

Armando Manocchia, direttore di ImolaOggi.it, trova vergognoso il comportamento del Cpi e delle dichiarazioni dell’inadeguato presidente Philip Craven e lancia un appello e una PETIZIONE per la riammissione degli atleti paralimpici russi.



   

 

 

1 Commento per “Armando Manocchia: riammettiamo gli atleti russi alle paralimpiadi di Rio”

  1. Viva il coraggioso italiani

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -