Potenza: radicali preoccupati per i detenuti “muri scrostati e manca l’acqua calda”

 

POTENZA, 11 LUG – I problemi della giustizia civile e penale, la richiesta di una “Amnistia per la Repubblica” e la situazione negli istituti di pena sono al centro di un’iniziativa dei Radicali e di “Nessuno tocchi Caino” che, oggi a Potenza e domani a Matera, ha riguardato anche gli istituti di pena della Basilicata.

Oggi nel carcere potentino – dove 200 detenuti sono controllati da 122 agenti effettivi (18 dei quali però sono “distaccati”) – è entrata la presidente d’onore di Nessuno tocchi Caino, Rita Bernardini (coltiva droga sul balcone di casa), che nel pomeriggio ha incontrato i giornalisti per sottolineare le condizioni di sofferenza e disagio che si vivono nell’istituto.

Nelle celle non c’è acqua calda e in alcuni casi vi sono letti a castello, “gabinetto a vista” oppure bagni senza finestre né impianti di aerazione e molti muri sono “scrostati”. Gli educatori sono solo tre su sette previsti, nonostante siano “molto importanti, considerato il numero elevato di persone che scontano una pena definitiva”. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -