Xylella, Corte UE: Sì all’obbligo di abbattere anche le piante sane

 

ulivi-in-puglia

BRUXELLES – Sì all’obbligo di abbattere le piante potenzialmente infette da Xylella. Lo ha stabilito la Corte Ue, secondo cui Bruxelles “può obbligare gli stati membri a rimuovere tutte le piante potenzialmente infettate” incluse quelle “non presentanti sintomi d’infezione, qualora esse si trovino in prossimità delle piante già infettate”. Questa misura, infatti, “è proporzionata all’obiettivo di protezione fitosanitaria” ed “è giustificata dal principio di precauzione”, in base alle prove scientifiche in possesso della Commissione. Con la sentenza odierna, resa nell’ambito di un procedimento accelerato, i giudici di Lussemburgo confermano “la validità della decisione della Commissione” con cui ha imposto l’obbligo di procedere alla rimozione immediata delle piante ospiti del batterio killer degli ulivi, indipendentemente dal loro stato di salute, se situate in un raggio di 100 metri attorno alle piante infettate.

Ulivi: più fastidiosa la Xilella o la Giustizia? Uccisi oltre 1100 ‘Patriarchi del Salento’

Questa decisione non prevede di per sé un regime di indennizzi per gli agricoltori. Secondo la Corte, infatti, questo “non è in contraddizione con l’obbligo di eseguire un opportuno trattamento fitosanitario” che riguarda non la pianta in se ma gli insetti ‘vettori’ dell’infezione batterica, e quindi mira a limitarne il rischio di diffusione “al momento della successiva rimozione della pianta”. Inoltre, sebbene i pareri scientifici non abbiano dimostrato l’esistenza di un sicuro nesso causale tra la Xylella e il disseccamento degli ulivi, risulta “una correlazione significativa tra tale batterio e la patologia di cui soffrono gli olivi”. Di conseguenza, il principio di precauzione “può giustificare l’adozione di misure di protezione come la rimozione delle piante infette”, tenuto conto anche del fatto che è la cicalina, che vola a un centinaio di metri, a diffondere il batterio e che le piante appena contaminate non mostrano immediatamente i sintomi. Si tratta quindi di una “misura appropriata e necessaria”.

Allo stesso modo, “la Corte considera che la rimozione delle piante ospiti situate in prossimità delle piante infette è rigorosamente proporzionata”, vista anche l’adozione da parte della Commissione, nel 2014, di misure meno gravose che non hanno consentito di impedire la propagazione del batterio nella parte settentrionale della provincia di Lecce, e la rinuncia ad imporre la rimozione delle piante ospiti situate in prossimità delle piante infette in presenza di alcune circostanze, ossia quando, come nel caso della provincia di Lecce, l’eradicazione del batterio Xylella non è più possibile. Inoltre “l’adozione di misure meno gravose non risulta possibile, in quanto non esiste attualmente alcun trattamento che consenta di guarire in campo aperto le piante infette”.

Lussemburgo avverte però che, in caso di nuovi dati scientifici da cui emergesse che non è più necessario procedere all’abbattimento delle piante ospiti, la Commissione dovrebbe modificare le misure. Allo stesso modo ricorda che, sebbene queste non prevedano un indennizzo ai proprietari, questo non può però essere escluso. ANSA EUROPA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -